Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

UNA DIAGNOSI ERRATA

La storia di Francesco nasce con una, anzi con una serie di diagnosi incomplete, se non chiaramente errate. 

Il suo sorriso sempre dolce e accattivante, il suo aspetto bonaccione, la sua notevole socievolezza, unite all'esito dei test di livello avevano ingannato me insieme ad altri neuropsichiatri e psicologi per cui, per decine d'anni, la diagnosi della sua patologia era sempre stata quella di "Ritardo mentale grave" e per tale patologia era stato trattato e curato.

Ciò fino a quando, rivedendolo dopo alcuni decenni ormai uomo, non abbiamo pensato di fargli effettuare il disegno dell'albero, della persona umana e della casa.

Solo da questi disegni ci siamo accorti  che nella sua patologia vi era qualcosa di più e di diverso che forse si era innestato sulla condizione di ritardo mentale o forse, fin dall'inizio, aveva condizionato in maniera negativa lo sviluppo del pensiero logico e dell'apprendimento.


Intanto era innegabile che le rappresentazioni dell'albero apparivano non soltanto povere e incomplete ma avevano caratteristiche inusuali se non nettamente strane.

http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva1.JPG

In questo secondo disegno dell'albero il cielo viene disegnato al posto delle radici..


http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva2.JPG

Inoltre, spesso, il giovane, nel disegno dell'albero associava anche quello  di uno strano muro. Strano in quanto questa costruzione sembrava viva come l'albero tanto da produrre ciliegie.

Altrettanto strano ed inusuale era poi il racconto che accompagnava il disegno: "C'era una volta un albero che si era appassito perchè non aveva le foglie in quanto era autunno. Il muro era sterile perchè gli cadavano le foglie che erano appassite. L'albero era in una montagna, accanto all'albero c'era il muro che era stato costruito dalle persone. Il muro non serviva a niente. Accanto all'albero non c'era nessuno perchè era appassito. Le persone erano sottoterra perchè erano morte e non servivano a niente".










http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/albero%20e%20muro.jpg



Anche nel disegno della casa, nonostante la forma triangolare richiamasse il tetto, vi era qualcosa di bizzarro in quella che doveva essere una porta!.

http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva3.JPG

Ma quello che ci stupì più di tutto  fu sicuramente il disegno della persona umana nel quale le varie parti del corpo erano dislogate in maniera insolita oppure acquisivano alcune delle caratteristiche degli alberi.



http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva4.JPG










http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva5.JPG



                                                                      

Fu, però, in questo disegno sottostante che la sua disgregata e confusa realtà interiore dovuta alla presenza di una grave psicosi, si rese evidente e raggiunse il culmine. 

Nella persona umana, che avrebbe dovuto rappresentare, egli inserì alcune componenti corrette come i piedi e le guance ( a forma di foglie)  insieme ad altre componenti che nulla avevano a che vedere con l'essere umano come la cassetta delle elemosine ed i fiori !


http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva6.JPG

Solo dopo una blanda terapia con psicofarmaci qualcosa cambiò nei suoi disegni per cui sia la casa che l'albero assunsero caratteristiche più vicine alla realtà.








http://www.cslogos.it/uploads/images/disegno/BILLA%20ANTONIO/Diapositiva7.JPG