Valutazione attuale:  / 12
ScarsoOttimo 

Le vostre domande e le nostre risposte

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/Diapositiva136.JPG

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In questa rubrica, rispondendo alle vostre lettere, cercheremo di affrontare in maniera semplice, breve e chiara, ma che speriamo sia lo stesso utile ed efficace, i temi, i dubbi e le difficoltà proposte dalle decine di migliaia di lettori e operatori che frequentano il sito: genitori, insegnanti, studiosi, operatori nel campo didattico. Speriamo sia un'occasione per uno scambio di idee, esperienze, riflessioni e dibattito sui temi che più ci stanno a cuore. 

 

Le vostre E-mail saranno pubblicate integralmente in maniera anonima tranne che non vi sia una richiesta specifica che ci autorizzi a pubblicare il luogo di residenza e di lavoro, il nome o anche il cognome. 

  Una splendida idea!

 Buondì dottor Tribulato, 
Le scrivo per ringraziarla del suo lavoro e della disponibilità a distribuire gratuitamente il materiale prodotto dal vostro grande lavoro. So quel che dico 
Mi occupo di senzatetto da vent'anni con un'associazione di volontariato che distribuisce la cena alle stazioni Termini ed Ostiense di Roma (Unità di Strada Notturna) e spesso mi trovo a comunicare con i ragazzi immigrati attraverso gesti o suoni (e tante risate). Non è una mera distribuzione, ci sono sguardi ed emozioni universali, sorrisi e piccole carezze. Molti non parlano se non il loro dialetto ed occorre una lunga serie di intermediari e passaparola per riuscire a dare indicazioni elementari. Questo gioco di imitare il tacchino per spiegare cosa contiene il panino, o gesticolare per indicare la strada e l'ufficio ci diverte e ci lega ma sarebbe utile riuscire a trasmettere loro rudimenti di italiano che li aiutino a destreggiarsi in città e negli uffici cui devono rivolgersi. 

Dato che docenti e fondi non se ne vedono e che la sintassi ed il gerundio non risolvono molto, avevo pensato ad un altro gioco: una sorta di maestro di strada, utilizzando un tablet ed i volontari -anche senza esperienza di insegnamento. L'idea me l'ha suggerita lei con Voglia di crescere: le figurine con didascalia, come le scuole di una volta! 

E sarà un progetto valido su più fronti: le  figure con testo in italiano ed inglese le preparerà una ex insegnante di inglese (anziana e disabile), un nostro volontario consulente informatico le caricherà sul pc , un altro volontario le illustrerà in strada dopo la cena. Ovviamente altri volontari ancora provvederanno a recuperare fogli e penne per gli esercizi... 

Un altro grazie: mi sono scaricata tutti i suoi libri ed ho ritrovato emozioni, sentimenti e valori che mi son stati trasmessi in famiglia e che io - persino in stazione coi tossicodipendenti - ritrasmetto. E ci rispettano e ci vogliono bene ("finalmente è sabato e ci siete voi") 
Prometto che farò girare il suo materiale a fini etici e lo userò anche durante gli incontri di formazione ai volontari ed agli operatori di parrocchie e/o case famiglia con le quali collaboro e condivido l'impegno (Le allego il nostro "chi siamo") 

Ancora tante grazie ed auguri di buon lavoro a Lei ed a tutto lo staff 

 

 

Gentile collega 

Mi permetta di chiamarla "collega" in quanto volontaria come me, che ha ben compreso e che vive ogni giorno la gioia  del dare gratuitamente a chi ne ha bisogno.

Conosco bene la Stazione Termini e il mondo di umanità che la circonda in quanto quasi ogni sera passavo da quelle parti per andare a San Lorenzo dove abitavo durante gli anni della specializzazione. La sua idea mi sembra ottima e spero tanto che funzioni. Non pensavamo proprio, quando abbiamo creato  il programma "Voglia di crescere" che sarebbe servito per imparare l'italiano ma ne siamo felici.

Grazie quindi a lei e agli altri volontari per il vostro splendido lavoro. Dopo che avete creato e testato il materiale se ce lo inviate possiamo pubblicarlo nel nostro sito in modo tale che  anche altre associazioni lo possano utilizzare.

Un caro saluto

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

Grave ritardo nel linguaggio in un bambino di quattro anni

 Salve sono la mamma di un bambino di 4 anni,vorrei spiegare la sua situazione,ha iniziato a camminare a 20  mesi,abbiamo fatto tutti gli accertamenti dovuti all'ospedale Besta  di milano e andava tutto bene tanto che dopo pochi giorni dalla visita medica ha iniziato a camminare,e anche se è abbastanza impacciato cammina fa le scale abbastanza bene,il suo problema è che non parla dice mamma, papà,si,no tè e basta e queste parole e da pochi mesi che li dice perchè prima non diceva niente,lui sta facendo il primo anno di materna ma purtroppo e capitato in una classe che abbiamo avuto delle incomprensioni con le insegnanti che l'hanno abbandonato a se stesso e l'hanno etichettato come un ritardati infatti l'anno prossimo li cambieremo classe,da più di un anno l'abbiamo portato in neuropsichiatria infantile preoccupati che non parlava e il neuro psichiatra da allora l'ha visto 4_5 volte e secondo lui non è un bambino che ha qualche problema neurologico o psicologico e solo un bambino che ha un ritardo nel parlare e va stimolato il più possibile,da 5 mesi con consiglio del neuropsichiatria ha iniziato a fare psicomotricità e vediamo dei progressi,cmq lui e un bambino che capisce tutto e si fa capire benisspresto,che se non parla,cmq quando vediamo i suoi coetanei notiamo che lui è più dietro nel fare le cose che fanno quelli della sua età, fa molti capricci e io fino a picco tempi fa lo accontentavo in tutto ed è stato il mio sbaglio,lui e il secondo dei miei tre figli,anche la mia figlia maggiore ha iniziato a parlare verso due anni e mezzo ma poi e partita e adesso e all'ultimo anno della materna ed è bravissima,io e mio marito non sappiamo più che altro fare con lui,la logopedia secondo il neuropsichiatria è ancora presto per farla,se mi può consigliare qualcosa che possiamo fare più di questo che sta facendo,mi scuso degli errori ortografici che magari avrò fatto perchè sono straniera e mi scuso anche della mail lunghissima ma spero che mi risponderete al più presto.grazie

 

Gentile signora

Il ritardo nel linguaggio può essere causato da vari problemi. I più frequenti riguardano la presenza di un ritardo mentale o la presenza di problemi psicologici abbastanza gravi e importanti. L'istituto o il neuropsichiatra che hanno avuto o hanno in cura il bambino sicuramente avranno fatto una diagnosi precisa che lei può e deve chiedere per iscritto. Nel caso in cui vi sia un ritardo mentale questo può essere affrontato molto bene con il nostro programma "Voglia di crescere" che può essere scaricato e utilizzato da lei stessa o dagli insegnanti della scuola materna. In questo caso le conviene iniziare dal primo livello e, successivamente, affrontare i livelli successivi. Nel caso in cui il ritardo sia dovuto a importanti problematiche psicologiche queste devono essere curate creando attorno al bambino un ambiente gioiosa, dolce, affettuoso, sereno e gratificante. E' soprattutto importante giocare con lui ai giochi che lui preferisce effettuare. E' questa  la tecnica del "Gioco libero autogestito" che abbiamo sperimentato essere molto adatta a diminuire la grave tensione interiore presente nei bambini con problemi psicologici mentre nel contempo permette di instaurare una migliore intesa tra gli adulti : genitori, insegnanti, operatori e il piccolo.

Spero di esserle stato d'aiuto.

Cordiali saluti

 http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

Bambino con disturbo generalizzato dello sviluppo

Buongiorno,

sono la mamma di Alberto, un bambino di 9 anni che frequenta la classe terza della scuola primaria. La storia clinica di Alberto inizia a 3 anni con cicli di logopodeia e psicomotricità presso enti pubblici e presso strutture private. Soltanto alcuni mesi fa mi è stata data una diagnosi. Alberto ha un disturbo di carattere evolutivo generalizzato, nulla di specifico, il suo quoziente intellettivo è pari a 80 legato anche al fatto che è un bambino con una forte inibizione. In questo periodo sta seguendo una terapia psicomotoria. La psicoterapetua sostiene che se a scuola venisse stimolato e supportato nel modo corretto potrebbe superare buona parte dei suoi problemi senza dover ricorrere all'insegnante di sostegno. Ieri ho avuto un colloquio con le maestre che, come mi aspettavo, leggendo la relazione in cui si dice che Alberto ha un quoziente intellettivo limite sostengono che per aiutare al meglio il bambino dovrebbe avere un insegnante di sostegno. Sottolineo il fatto che tale ipotesi è sostenuta soprattutto dall'insegnante di lingua, insegnante ormai alla soglia della pensione con un metodo d'insegnamento spesso criticato e non sempre vicino alle esigenze dei bambini. Al contrario l'insegnante di storia, geografia e scienze sostiene che Alberto è un bambino molto intelligente con enormi potenzialità che vanno fatte emergere. Per quanto mi riguarda non sono assolutamente d'accordo con il sostegno, non per un caso come mio figlio, sono sicura che per lui sarebbe un ulteriore disagio. Concordo con un PDP dove si attuino tutte le misure necessarie per aiutare il mio bambino.

Gradirei una vostra opinione.

Cordiali saluti

 

Gentile signora

Questo tipo di problematiche può essere affrontato essenzialmente mediante due modalità. La prima, che è quella oggi più diffusa mira a migliorare i vari sintomi del bambino mediante delle terapie specifiche: nel suo caso è stata consigliata la logoterapia e la psicomotricità. Ma vi è a nostro parere un modo diverso per affrontare queste problematiche ed è quello di focalizzare la nostra attenzione e il nostro impegno non sui sintomi del bambino ma sulla sua sofferenza interiore che, a nostro avviso, è quella che provoca i sintomi. Con questa diversa visione cercheremo in tutti di creare attorno al bambino un ambiente gioioso, sereno, accogliente e  accettante, in modo tale che  la sua sofferenza gradualmente possa diminuire. E sarà questa diminuizione della sofferenza interiore che gli permetterà di sviluppare e  accrescere tutte le sue funzioni.  Per ottenere ciò è indispensabile che egli viva bene e con gioia il suo rapporto con i genitori, gli insegnanti  e gli  altri adulti. Questi per meglio rapportarsi con il bambino potranno utilizzare la metodica che abbiamo sperimentato nel nostro centro che abbiamo  chiamato Gioco LIbero Autogestito.  Le consiglio pertanto di leggere e far leggere il libro da noi scritto "Autismo e gioco libero autogestito" nel quale descriviamo tale metodica, in modo tale che tutti gli adulti che si relazionano con il bambino l'acquisiscano correttamente.

 

Molti auguri per la sua famiglia e per suo figlio.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

Come aiutare un figlio che presenta difficoltà nella concentrazione, umore nero, scarso rispetto per le regole 

 

Buon pomeriggio,
Sono la mamma di due bambini di 7 e 3 anni.
Ho molta difficoltà con il maggiore, frequenta la seconda elementare, in classe sono 10 bambini e hanno un compagno con disturbi caratteriali che non è seguito corretame.
Da gennaio mio figlio fa fatica a concentrarsi e svolge malvolentieri i compiti, è sempre di pessimo umore e risponde male. Non rispetta le regole della casa, sia io che mio marito non sappiamo più come comportarci. Castighi e urla sembra che non lo spaventano.
Se potete darmi un consiglio.
Grazie

Gentile signora

 

Quando un bambino presenta dei sintomi di sofferenza come quelli da lei elencati: difficoltà nella concentrazione, umore nero e scarso rispetto per le regole, come lei stessa ha sperimentato, in questi casi, le urla, le punizioni e i rimproveri non solo non sono utili ma possono peggiorare il vissuto interiore del bambino e di conseguenza i  suoi comportamenti.

Prima di effettuare qualsiasi intervento bisognerebbe invece fermarsi per qualche giorno per riflettere su quali possono essere i motivi  di stress o peggio di trauma che il bambino ha subito o subisce attualmente.

Certamente un compagno che disturba in classe può provocare una continua tensione anche negli altri alunni in quanto stimola gli insegnanti a continui rimbrotti o grida. Tuttavia i motivi di stress o trauma possono provenire da altre fonti che è bene indagare: frequenti o intensi conflitti coniugali, uso eccessivo dei mezzi audio visivi o dei giochi elettronici, scarsa quantità di gioco libero durante il giorno, atteggiamenti educativi eccessivamente severi che non tengono conto dei bisogni relazionali e affettivi del piccolo, e così via.

In questi casi la terapia migliore è quella di impegnarsi a creare attorno al bambino un ambiente gioioso, sereno, affettuoso, dialogante. Un ambiente nel quale i genitori hanno non soltanto il compito di dettare e far applicare delle regole ma anche e soprattutto il compito di creare e mantenere nell'animo del bambino un'atmosfera fatta di rassicurante serenità, fiducia e gioia.

Per tale motivo la tecnica del Gioco Libero Autogestito nel quale uno o meglio entrambi i genitori si lasciano andare con piacere a partecipare al gioco che il  bambino ama in un determinato momento, ristabilisce quel legame di affetto e di fiducia che è la base della sicurezza del figlio.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF
Come comportarsi con un bambino aggressivo e violento
Ho un disperato bisogno di aiuto per mio figlio di cinque anni e mezzo è iperattivo ma la cosa grave che a scuola è violento e aggressivo e non so che fare....aiutatemi
 
L'aggressività e la iperattività dei bambini possono avere varie cause. La più frequente è quella che riguarda una sofferenza interiore che provoca tali comportamenti. In questo caso è necessario rimuovere tale sofferenza eliminandone le cause e aiutando il bambino a ritrovare la perduta serenità. Le invio il link di un nostro articolo che può leggere. In ogni caso siamo disponibili a esaminare il bambino e a seguirlo, se potete portarlo presso la nostra sede di Messina.
L'aggressività nel bambino

http://www.cslogos.it/sito/index.php?option=com_content&view=article&id=303:l-aggressivita-nel-bambino&catid=33&Itemid=161
http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF
Cosa fare quando la mamma è eccessivamente ansiosa
Buongiorno, sono molto preoccupata per mia sorella e la sua famiglia. Lei ha 45 anni e un bimbo di 5. È sempre stata una persona molto ansiosa , ricordo che affrontava i compiti e la scuola con grande agitazione o, per fare un semplice esempio, se non fosse stata per l' insistenza di mia mamma lei non avrebbe neanche fatto la patente. Le cose ora però sono a mio avviso particolarmente peggiorate. Da quando è mamma l'ansia che la accompagna  da sempre è diventata estenuante, è dimagrita tantissimo, piange spesso e sembra sempre arrabbiata con tutti e tutto. Girando per la rete in cerca di illuminazione mi sono imbattuta nel vostro articolo" genitori ansiosi" e mi sembrava parlaste proprio di lei. Naturalmente chi mi preoccupa di più è mio nipote che temo possa crescere non serenamente. È un bambino che ha grosse difficoltà con l'alimentazione e che si ammala molto frequentemente scatenando nella mamma scene di disperazione incontrollabili. Ora so perfettamente che mia sorella dovrebbe rivolgersi ad uno specialista ma lei si rifiuta sostenendo che questo è il suo carattere e nessuno può aiutarla. Io mi sento assolutamente impotente! Come posso fare ad aiutarla? Aspetto una vostra risposta e vi ringrazio per l'attenzione, saluti. 
Purtroppo come abbiamo scritto in quell'articolo sull'ansia materna eccessiva, questa condizione disturba notevolmente lo sviluppo dei figli. Per tale motivo è necessario che chi ne soffre si faccia aiutare mediante una buona psicoterapia individuale, meglio se di tipo analitico. Penso che se il marito e gli altri familiari sono vicini a chi presenta questo disturbo, la persona che ne soffre sarà felice di eliminare da sé questa condizione che è causa di grave sofferenza personale e familiare. 

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

Come comportarsi con una bambina che presenta sindrome autistica

 

Buongiorno

Da una settimana io e mio marito siamo disperati.

Alla nostra bambina di tre anni è stata fatta diagnosi di autismo. Ci sono state consigliate delle sedute di logoterapia e psicomotricità che dovremmo cominciare fra qualche giorno.

Pensate che queste terapie potranno risolvere i problemi che mia figlia ha nel linguaggio e nel relazionarsi con gli altri bambini ma anche con noi genitori?

Pensate inoltre che dobbiamo lo stesso fare le altre vaccinazioni alla bambina?

Grazie anticipate per la vostra risposta 

 

Gentile signora

Purtroppo su questa sindrome  le idee sono tante e spesso sono poco coerenti e costruttive. 

La nostra esperienza  ci conferma ogni giorno di più che il problema maggiore presente in questi bambini è la loro sofferenza interiore che li sconvolge e dà loro un'immagine degli altri e del mondo paurosa e negativa nei loro confronti.

Per tale motivo l'obiettivo di base dovrà essere quello di diminuire questa sofferenza creando attorno alla bambina un clima il più sereno, accettante e gioioso possibile. 

Il gioco libero autogestito che proponiamo permette a questi bambini di scoprire attraverso gli adulti che giocano con lui accettando e partecipando con gioia al suo gioco che gli altri e il mondo non solo non sono cattivi ma gli sono vicini in ogni momento. 

Il libro Autismo e gioco libero autogestito da noi pubblicato vi potrà aiutare a capire meglio come la bambina vive la realtà che la circonda e come aiutarla a scoprire la gioia della relazione con gli altri.

Per quanto riguarda le vaccinazioni le può effettuare tranquillamente. Sarebbe bene però evitare visite e terapie non strettamente necessarie per diminuire la sofferenza della quale scrivevo prima.

 

 http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

 Voglia di crescere interattivo

salve volevo chiedere informazioni per voglia di crescere interattivo. Non riesco a scaricarlo sul computer o sul tablet, mi sapete spiegare come mai?  Grazie
 

 

 

Voglia di crescere interattivo è stato disabilitato in quanto non era più compatibile con le nuove piattaforme. Si consiglia di utilizzare la forma cartacea anche perché abbiamo constatato essere più utile nell'instaurare un miglior rapporto con i minori.

 

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

Lo spirito con il quale operare con "Voglia di crescere"

 

Grazie mille! Trovato e stampato! Ho iniziato con il livello dei 3 anni, la bambina risponde bene, ma quanto tempo rimango su ogni livello? Ovvero: mi risponde su ogni singola parola che conosce, ma alcune le pronuncia male e non usa l'articolo.  Giorno dopo giorno insisto sulle stesse parole finché non avrà imparato la corretta pronuncia e l'articolo? 

Quando passo a un'altra scheda (sempre restando sui 3 anni)?

Consideri che si annoia presto, più di 5 minuti non lavora perché li  vive come un compito invece di un gioco...anche l'attenzione sui suoi libri è limitata.
Grazie ancora

 

Gentile signora

Leggo con piacere che ha potuto stampare il livello tre di Voglia di crescere.

Come potrà leggere sul libro guida di Voglia di crescere che potrà scaricare dal sito e stampare liberamente, questo programma è stato strutturato in modo tale che per il bambino sia come un gioco piacevole da fare con la propria mamma, con il proprio papà  o con l'educatore che si occupa di lui. Per raggiungere questo scopo è necessario entrare in empatia con il bambino facendo effettuare con piacere e gioia reciproca le varie schede senza essere minimamente pedanti o pesanti.  

Questo significa, ad esempio, che non bisogna assolutamente rimanere sulla stessa scheda se non per pochi secondi ma siglare il livello raggiunto, com'è indicato all'inizio di ogni volume, e procedere  con le schede successive. Solo in un secondo tempo o in un altro giorno si riprenderanno le schede nelle quali la sua bambina presenta delle difficoltà per completarle e perfezionarle. 

Poiché tutte le schede di un livello hanno un grado simile di difficoltà si può anche passare da un gruppo di schede all'altro o da un volume all'altro senza alcun problema. Si potranno, inoltre utilizzare i volumi dei livelli precedenti, nel suo caso le schede del secondo livello, per dare alla bambina la netta sensazione che riesce e che è brava in questo gioco. L'importante è che l'attività resti sempre un gioco piacevole da fare insieme.

Ad esempio nelle schede del primo volume del terzo livello si trovano delle schede di "Linguaggio parole singole". Inizialmente è sufficiente che la bambina pronunci qualche sillaba simile al nome dell'immagine per dirle brava e abbracciarla felici del suo risultato. Solo in momenti successivi, che nel caso del linguaggio potranno essere anche molto lontani nel tempo, le stesse schede potranno essere riprese per migliorare la frase detta dalla bambina.  
Spero di averle fatto comprendere lo spirito con il quale bisogna operare con "Voglia di crescere". Per ogni difficoltà o problema ci contatti pure. Intanto le invio molti cordiali saluti.


 http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 
 
 
Bambini con difficoltà nella lettura e
 
difficoltà nello scaricare "Leggo anch'io"
Buongiorno.
Sono un’insegnante di italiano di una prima classe della scuola primaria.
Nella mio gruppo di 21 alunni ci sono: due bambini anticipatari, uno ipoacusico, uno ipovedente, due stranieri che non conoscono una parola di italiano, altri due stranieri che però si fanno capire, linguaggi pluridislalici e, per non farsi mancare nulla, varie problematiche comportamentali. Fin da subito sono emerse difficoltà di organizzazione spaziale. 
A fronte di tutto ciò, alcuni genitori insistono affinché i loro figli, quelli “BRAVI”, imparino al più presto a leggere e a scrivere in corsivo. Naturalmente i tempi li decidiamo noi, ma è necessario trovare il modo per gestire il tutto in modo equilibrato.
Adesso mi chiedo come superare le difficoltà di coloro che, avendo imparato le vocali, non riescono a unire i suoni appresi con la prima consonante (ho dovuto iniziare dalla “M” date le problematiche dei più).
Hanno difficoltà nella fusione dei due suoni: leggono M, leggono A, ma non sanno leggere MA.
Come devo procedere? Avete suggerimenti per me?
Grazie per l’attenzione.


p.s.: non sono riuscita a scaricare il testo “Leggo anch’io"

 


Gentile insegnante
Non tutti i bambini, anche se d'intelligenza normale, a cinque - sei anni sono in grado di effettuare l'analisi e la sintesi sillabica. Sintesi e analisi indispensabili per effettuare la scrittura e la lettura. Queste capacità in alcuni bambini si sviluppano dopo questa età. Ed è per questo motivo che noi proponiamo per i bambini che hanno delle difficoltà la lettura sillabica nella quale al bambino sono insegnante le sillabe e non le lettere dell'alfabeto. In tal modo il bambino non ha la necessità di fondere- sintetizzare la consonante con la vocale durante la lettura.
Per quanto riguarda gli album di  "Leggo anch'io". Non dovrebbe essere difficile scaricarli se si segue questa metodologia:
  1. Andare in Download dove tutto il materiale da scaricare è depositato.
  2. Cliccare su questo
  3. Cliccare su Download italiano
  4. Scegliere la sezione schede didattiche .
  5. Se ad esempio andiamo su leggo anch'io - Completo
  6. comparirà una pagina  nella quale è scritto Leggo anch'io - Completo e sotto vi sarà una freccia verde con accanto scritto scarica.
  7. Cliccare sulla freccia verde e tutti gli otto album di Leggo anch'io saranno scaricati sul Download del suo computer in modo compresso. Dopo basta decomprimerli con un programma  apposito.
  8. Una volta decompressi bisogna stampare e rilegare gli otto volumi.


http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF
Difficoltà nello scaricare il materiale messo a disposizione nel sito
salve, 
mi chiamo Genny e sono prossima alla laurea magistrale in pedagogia e progettazione educativa... navigando in internet mi sono imbattuta nel vostro lavoro e credo sia fatto in maniera scrupolosa e scientifica.
ho letto il vostro libro e mi complimento sinceramente, non solo per la cornice scientifica entro cui si snoda il manuale, ma soprattutto per la dedizione nel vostro lavoro che traspare.
vorrei scaricare tutto il materiale, ma non riesco...
potreste aiutarmi per favore ?
cordiali saluti,
genny
 
 
 

Gentilissima Genny
Grazie intanto dei complimenti che sicuramente ci fanno piacere.
Per quanto riguarda il modo con il quale è possibile scaricare il materiale che mettiamo a disposizione bisogna seguire una metodologia che risulta facile per chi è abituato a utilizzare spesso internet ma  può risultare complessa per chi non è solito fare ciò. In ogni caso basta seguire queste istruzioni:

  1. Andare in Download dove tutto il materiale da scaricare è depositato.
  2. Cliccare su questo
  3. Cliccare su Download italiano
  4. Scegliere la sezione di ciò che si vuole scaricare ad esempio libri, relazioni, schede didattiche ecc.
  5. Se ad esempio abbiamo cliccato su  schede didattiche comparirà una pagina  nella quale è scritto Concetti relazionali e sotto vi sarà una freccia verde con accanto scritto scarica.
  6. Cliccare sulla freccia verde e le schede Concetti relazionali saranno scaricate sul Download del suo computer
  7. Arrivati a questo punto basta stamparle e rilegarle.

Se il materiale, per motivi di spazio, è compresso bisogna decomprimerlo prima  di stamparlo .

Sperando di esserle stati d'aiuto la salutiamo cordialmente e restiamo a sua disposizione per ogni necessità

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

Un ragazzo con difficoltà nel pagare e dare il resto

 

salve, già Vi ho scritto un po di anni fa ed ebbi dei buoni suggerimenti,  mio figlio  di anni 17  soffre di sindrome non verbale, adesso ha delle difficoltà nel pagare e dare il resto  negli acquisiti. Lo vedo in questo periodo molto nervoso ed ho capito che questa difficoltà lo sta isolando dagli amici che faticosamente ero riuscito a farlo accettare. come posso aiutarlo. nel senso che oltre alla calcolatrici che sa usare in modo del tutto autonomo, c'è qualche altro sistema oppure soluzione informatiche. grazie per l'attenzione.

gentile signore

Siamo lieti di esserle stati d'aiuto in passato, . Per quanto riguarda la difficoltà attuali che ha il suo ragazzo nel pagare e dare il resto, nel nostro sito può trovare delle schede che possono essere utilizzate da suo figlio. Schede che abbiamo chiamato "Conoscenza e uso dell'EURO" che può trovare nel Download e delle quali le mando il l'indirizzo...
 http://www.cslogos.it/sito/index.php?option=com_remository&Itemid=&func=fileinfo&id=40
Per quanto riguarda il  nervosismo del figlio, questo può sicuramente essere dovuto alle sue difficoltà ma può avere anche altre cause. Un buon colloquio con un neuropsichiatra infantile potrà sicuramente essere utile.
Spero tanto che il ragazzo possa ritrovare una buona serenità. In ogni caso ci consideri sempre a sua disposizione.
Molti cordiali saluti 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 Una bambina con difficoltà nelle relazioni sociali

Vorrei capire dove stiamo sbagliando nell'educazione di nostra figlia visto che secondo noi si relaziona in maniera sbagliata nei giochi sociali e di gruppo, manifestando comportamenti di disturbo e istigazione verso gli elementi del gruppo stesso a lei non graditi. Abbiamo anche un altro figlio di 5 anni di cui la sorella è gelosa.

 

Gentile signora
E' sicuramente difficile dare dei consigli che abbiano un certo valore con così pochi elementi.
In genere le difficoltà nelle relazioni sociali nascono da problematiche psicologiche, le quali,  a sua volta, derivano da frustrazioni, traumi e stress eccessivi subiti.


Sarebbe pertanto importante valutare l'ambiente di vita della bambina per scoprire le eventuali cause della sua sofferenza interiore, cause che poi si ripercuotono sui suoi comportamenti, così da cercare di eliminarli.


Insomma la cosa più utile è cercare di creare attorno alla bambina un ambiente sereno, accettante, morbido e caldo così che lei si possa sentire sicura e a proprio agio. 


Il sentire l'amore dei genitori, il non essere rimproverati eccessivamente, l'essere accettati e gratificati, questi e altri accorgimenti simili spesso riescono a creare nell'animo dei minori quel clima sereno e sicuro nel quale è bello muoversi e relazionarsi.

Spero che queste poche righe possano aiutarvi nel vostro difficile impegno educativo.
In ogni caso sono a vostra disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF


COME AVERE IL MATERIALE DIDATTICO
DEL CENTRO STUDI LOGOS DI MESSINA ?

Gentile associazione logos sono un insegnante curricolare della scuola dell infanzia che per questo anno svolgo insegnamento di sostegno sono interessata al vostro programma "voglia di crescere" e vorrei sapere come posso fare per acquistarlo se gentilmente mi inviate ulteriori informazioni sulle schede operative per la prelettura ed il

precalcolo avendo il bambino che seguo molte difficoltà nell'associazione di numero e quantità aspettando vostre notizie anticipatamente ringrazio

Gentile professoressa
Ci fa piacere il suo interesse nei confronti del nostro programma "Voglia di crescere".
La nostra è un'associazione di volontariato per cui non vendiamo le nostre pubblicazioni ma le mettiamo gratuitamente a disposizione di tutti mediante il nostro sito.
Pertanto si colleghi al sito del centro Studi  Logos di Messina e scarichi e stampi autonomamente  tutto ciò che le può interessare. Ad esempio le schede  per l'associazione dei numeri con le quantità le può trovare  nel Download in "Quantità e numeri" il Link della pagina è http://www.cslogos.it/sito/index.php?option=com_remository&Itemid=&func=fileinfo&id=28.
Per trovare altri argomenti che le possono interessare può usare  Il CERCA.......................che si trova a destra nella parte alta delle pagine del sito.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 BAMBINO AFFIDATO CON PROBABILE RITARDO MENTALE

Buonasera
sono la mamma di tre bimbe con le quali, per ora, non ho avuto problemi quindi per me è tutto una novità. Da quasi 3 mesi fa parte della nostra famiglia un bimbo di 7 anni che ci è stato dato in affido famigliare. lui è tanto bravo e sembra sia con noi da sempre. E' ubbidiente e si adegua bene alle abitudini famigliari. I problemi si manifestano con la scuola. Oggi abbiamo avuto un colloquio con la psicologa che ci ha comunicato i risultati dei test. Il suo QI è di 65. Non ha voluto certificare un ritardo data la delicata situazione emotiva. Verrà rivalutato dopo almeno 1 anno di permanenza in un ambiente stimolante. Nella sua vita ha provato pochissime esperienze, non è abituato a dialogare, non riesce a usare agilmente le mani (stiamo imparando a fare le corna) conosce pochi termini.
 La mamma ha un lieve ritardo come anche la sorella maggiore.
Le insegnanti notano pochi miglioramenti mentre a me sembrano tantissimi. E' arrivato che contava fino a 3 ...ora arriva anche fino a 30.... anche se non riconosce i numeri in ordine sparso... ma conta 27 numeri in più.
Lui si è dovuto adeguare a noi, perfetti sconosciuti.
Vorrei TANTO poterlo aiutare... farlo in modo sensato.
Potreste darmi dei consigli su come utilizzare i vostri metodi e su quali attività possono essere utili in casi simili.
Grazie per l'attenzione.

 

Gentile signora
é bello leggere che una famiglia che ha già tre bambine apra la propria casa ed il proprio cuore all'affido di un altro bambino.
Credo che voi possiate fare molto per questo bambino. Oltre all'amore, all'accoglienza e alla gioia che sicuramente già gli state dando, potete aiutarlo a crescere anche dal punto di vista intellettivo e cognitivo utilizzando i nostri sussidi didattici.
Se il ritardo è reale, e non è dovuto ad una difficile situazione psicologica, potete iniziare a fargli effettuare, come un bel gioco da fare insieme, "Voglia di crescere" cartaceo, a partire dal terzo-quarto livello che potete scaricare dal nostro sito.  Solo dopo aver effettuato bene tutto il quinto livello potete iniziare a proporgli la lettura mediante il nostro metodo "Leggo anch'io" iniziando dalla prima parte,  primo volume.
Per quanto riguarda la scuola sarebbe bene che gli insegnanti si impegnassero nello stesso  programma, evitando di mettere il bambino in difficoltà con attività non adeguate alle sue capacità.
Spero di essere stato chiaro in ogni caso potete consultarci telefonando allo 09046920.
Molti auguri per la vostra calda e generosa famiglia e cordiali saluti
http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

COME AFFRONTARE I DISTURBI PSICHICI IN UN RAGAZZO CON RITARDO MENTALE  

 

 

Salve, sono una mamma di Napoli, disperata perché non so come gestire mio figlio di 19 anni.

Premetto che è nato con asfissia ed è stato aiutato ad uscire con il forcipe. Ha iniziato a camminare verso 1 anno e 3 mesi circa ed ha parlato in modo più chiaro verso i 2 anni.

All'asilo era introverso e socializzava poco ed ha avuto sempre questo atteggiamento fino ad ora che frequenta l'ultimo anno delle superiori.    Devo precisare che abbiamo dovuto optare    per una scuola privata affinché    conseguisse il diploma, visto che è poco    interessato allo studio e ha già perso due    anni delle superiori.  Ripeto, a scuola è    sempre stato timido e poco socievole, quindi diventava oggetto di esclusione, bullismo e sfottò da parte dei compagni, anche se ha  cominciato a reagire e a difendersi alle  superiori, assumendo man   mano un atteggiamento di sfiducia ed   aggressività  non solo verso i compagni di scuola ma anche verso gli amici che frequenta  abitualmente (oratorio, palestra, ecc.). In    famiglia è un mal vivere per tutti perché   sfoga nell'ambito familiare tutto ciò che   non riesce fuori casa. Iniziando dal   provocarsi crosticine sul viso e sul corpo,   tic di ogni genere, paranoie,  disattenzione,   lentezza nei movimenti, scarsa curiosità ,  non distingue bene ciò che è giusto da ciò   che è sbagliato, diventa sempre più  intrattabile ed anche a volte violento...l’unica cosa che lo esalta e lo appassiona è  la tecnologia (cellulari, computer, tablet,   ecc)...ma poco fb, whatsapp....più giochini, in pratica si rifugia in un mondo  suo, ma  virtuale. Preciso che nel corso  degli anni ci  siamo rivolti a numerosi  psicologi della mutua, i quali hanno semplicemente espresso un lieve ritardo mentale, ma non   ci hanno mai descritto chiaramente di che   entità fosse ne' ci hanno fornito gli   strumenti adatti per guarirlo o almeno  migliorarlo. Mi rivolgo a voi per essere  guidata sulla giusta strada affinché il  ragazzo possa vivere una esistenza  adeguata. Vorrei sapere, cortesemente, se  esistono, nelle mie zone, centri adatti a cui  rivolgermi che hanno i mezzi adatti a  risolvere queste problematiche. Ringrazio anticipatamente e vi prego a rispondermi presto, perché la situazione peggiora di giorno in giorno. Saluti.

 

 

 

Gentile signora
Ho letto la sua accorata lettera con la quale mi descrive le difficili realtà di suo figlio e, consequenzialmente, di tutta la famiglia.
Da quanto lei mi dice credo che sia proprio il caso di affrontare tali problematiche più sul piano dei vissuti psichici di suo figlio, che non sugli aspetti scolastici e cognitivi in genere. In altre parole  credo che suo figlio, per motivi vari, manifesti con i suoi sintomi una notevole sofferenza interiore.

Sofferenza che è necessario affrontare sia modificando il suo ambiente di vita, in modo tale che sia il più dolce, sereno, accogliente e affettusoso possibile, sia mediante una psicoterapia individuale che miri a lenire questa sua sofferenza interiore,  modificando l'immagine negativa che egli ha di se stesso e del mondo che lo circonda. Mondo che, a quanto leggo, non è stato tenero nei suoi confronti. 
Per modificare il suo ambiente di vita, cercate, voi genitori, di vedere  e sentire con i suoi occhi e con il suo cuore, così da eliminare tutte quelle situazioni che gli potrebbero creare stress, fastidio e sofferenza, mentre nel contempo vi sforzerete di fargli vivere, mediante il vostro amore, quante più situazioni possibili capaci di procurargli gioia e serenità.
In questi casi anche la scuola, se è fonte continua di stress, disagio e frustrazione andrebbe messa, almeno per qualche tempo, in secondo piano.
Per quanto riguarda dei centri specialistici, non credo che in queste situazioni siano molto utili. Meglio affidarsi a un buon neuropsichiatra infantile.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

PROBLEMI DI LETTURA IN UN BAMBINO CON RITARDO MENTALE MEDIO-GRAVE 

 Buonasera,

 sono una docente di scuola media di primo grado e vorrei chiedervi qualche consiglio su un mio alunno disabile con un ritardo medio grave. Ultimamente sto provando molti tentativi nella lettura, se per esempio detto una parola lui la scrive con facilità, facendo errori di doppie o non riconosce il gruppo Sci, chi, che....

 Nella lettura non riesce, legge sola la sillaba staccata dalla parola, quando indico la parola legge la sola lettera, senza sillaba, anche se io ripeto la sillaba non riesce a fare l'unione di parola.

 Cosa potete consigliarmi?

 Un caro ringraziamento

 Arianna

 

 


Gentile insegnante
La lettura e la scrittura richiedono delle capacità intellettive sufficienti per eseguire una serie di processi mentali abbastanza complessi. Quando è presente un ritardo mentale, specie di tipo medio-grave, spesso tali capacità non sono sufficienti.

E' necessario, in questi casi, impegnarsi il più precocemente possibile nello sviluppo della capacità logiche anche mediante un programma globale come il nostro "Voglia di crescere", iniziando dal livello appena inferiore all'età mentale del bambino. Se ad esempio il bambino che segue presenta, ai test effettuati, un'età mentale di cinque anni bisogna iniziare dal quarto livello, invece se la sua età mentale è di quattro anni bisogna iniziare dal livello terzo di "Voglia di crescere" e poi proseguire per i livelli successivi.
Mi piace paragonare le capacità intellettive a un recipiente come potrebbe essere un'anfora e gli apprendimenti al contenuto che vogliamo mettere in quest'anfora. E' impossibile mettere più contenuto di quello che l'anfora può contenere! Bisogna allora allargare il contenitore.

Se l'età mentale del bambino che le è stato affidato è di almeno quattro anni oltre che effettuare come base per il suo sviluppo le schede di "Voglia di crescere" può utilizzare il nostro sussidio "Leggo anch'io" creato apposta per i bambini con ritardo mentale, partendo dal primo volume della prima parte, che permette ai bambini con un'età mentale di almeno quattro anni di leggere e capire ciò che viene letto.
Spero di essere stato chiaro. In ogni caso siamo sempre a vostra disposizione.
Cordiali saluti e buon lavoro
http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

PROBLEMI NELLA LETTURA

 

Buongiorno,

ho trovato il Vs. riferimento curiosando un po’ sul sito di cslogos (molto interessante!).

Sono la mamma di una bimba di 6 anni che frequenta la prima elementare.

La bimba ,prima dell’inizio della scuola primaria, ha effettuato terapia logopedica per circa 1 anno e mezzo per correzione di alcuni fonemi :R,L,ST,SC,SV..perfettamente recuperati.

Ora che la logopedia si è conclusa, la bimba incontra delle difficoltà nella fusione sillabica e quindi nell’automatismo della lettura di parole.

Riconosce i singoli fonemi..ma nel riconoscimento di sillabe..fa ancora un lavoro mentale di spelling fonemico cioè:

sillaba  ME prima dice M E e poi ME..pertanto anche nella lettura per esempio della parola ME LA ..si perde un po’..

 

A scuola utilizzano il metodo analogico simultaneo..e l’insegnante di sostegno presente nella classe, non a supporto di mia figlia, ma di un disabile ..sostiene che bisogna lavorare a casa attraverso il gioco soprattutto oralmente nelle fusione sillabica di parole e sul riconoscimento veloce di sillabe ..e per fare cio’..al fine di non annoiarla..di proporre il tutto attraverso il gioco.

 

Potrei avere dei consigli in merito su materiali, attività simpatiche che abbiano queste funzioni?

 

Ringrazio per l’attenzione e porgo cordiali saluti.

 

  

Gentile signora
Grazie intanto per complimenti. Per quanto riguarda i problemi di sua figlia, purtroppo non sono rari i casi di difficoltà nei bambini che iniziano l'apprendimento della letto-scrittura. Ciò è spesso dovuto a lieve immaturità dei centri corticali deputati all'analisi e alla sintesi uditiva. Questa immaturità comporta nella lettura la difficoltà ad unire le varie lettere dell'alfabeto  per formare le  sillabe e quindi le parole e, nella scrittura, la difficoltà ad analizzare  i fonemi presenti nelle parole così da scomporle nelle varie lettere.
Questi problemi possono essere superati servendosi del nostro metodo di lettura  Leggo anch'io, che utilizza una tecnica sillabica molto facilitata. Questa tecnica permette a bambini che abbiano almeno quattro anni di età mentale di poter leggere e scrivere senza problemi.   Scarichi quindi dal nostro sito e utilizzi e faccia utilizzzare a scuola solo questo sussidio didattico iniziando dal primo volume della prima parte per proseguire di seguito poi con gli altri volumi.
Le faccio molti auguri per la sua bambina e la saluto cordialmente.
D

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

Gentilissimi, sono un maestro elementare calabrese in servizio da alcuni anni in provincia di Bologna.

Utilizzo il vostro lavoro di grammatica e di altro con i miei alunni di 5^ elementare. Sono molto orgoglioso che esista al Sud un sito come il vostro, un sito che offre una quantità di proposte utilissime per chi lavora con le persone, specie con quelle più deboli: bambini, anziani ecc. Grazie Buon lavoro

Gentilissimo maestro
Non possiamo che ringraziarla per le sue espressioni di elogio per il nostro lavoro.
La nostra gratificazione  e la riconpensa è tanta quando ci accorgiamo che il nostro impegno è utile a tanti operatori e a tanti piccoli e grandi utenti.
Se vuole può iscriversi e fare iscrivere i suoi colleghi al nostro sito e alla nostra pagina Facebook così da poter essere sempre aggiornati sulle attività del centro.

http://www.facebook.com/pages/Centro-Studi-Logos/368663963181169?fref=ts

Rimaniamo a sua completa disposizione per ogni esigenza didattica.

 http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UN DIFFICILE RAPPORTO MADRE -FIGLIO 

 

Buonasera dottore, sono alla ricerca di un'aiuto per mio figlio di 8 anni e per tutta la mia famiglia.Ho avuto una gravidanza abbastanza turbolenta e un post gravidanza con un intervento di distacco di retina a causa della gravidanza. sono stata e sono un genitore molto autoritario al contrario di mio marito che e' molto permissivo.Dopo due anni e mezzo ho avuto una seconda gravidanza,e il mio primo bimbo l'ha presa molto male. ancora oggi dopo vari incontri con una neuropsichiatra (che ha diagnosticato  in mio figlio una carenza psicoaffettiva) mi ha confermato una gelosia da manuale che il mio primo figlio ha nei confronti del secondo.Sono una mamma che dedica tempo ai bimbi in termini quantitativi e forse non qualitativi, l'approccio con la scuola è stato  una catastrofe perché ho trasmesso ansia al bimbo e dopo vari tentativi mio marito si è fatto carico di seguire il bimbo e sembra che la cosa stia migliorando. MA la mia preoccupazione è che mio figlio ha    un rapporto di odio /amore con me, non ha un' amico ed ha dei momenti che secondo la neuropsichiatra possono definirsi depressivi.  So che il problema ce l'ha con me e che dovrei essere più affettuosa con lui, ma spesso i suoi gesti violenti nei confronti del fratello(portato varie volte in ospedale)non mi fanno avvicinare a lui con gesti d'amore ma solo di rimprovero.la neuropsichiatra ci ha consigliato un percorso familiare ed io non so a chi rivolgermi. La mia paura è anche portarlo da uno psicologo perché ho paura di non trovare una persona adeguata  che segua bene il bimbo. Mi può consigliare ... aiutare...Grazie

Gentile signora
Non è facile consigliare ed aiutare senza un approfondito esame del caso ma la sua E.mail è abbastanza ricca di elementi e, quindi, ci permettiamo di darle qualche consiglio anche perché lei ha ben focalizzato il problema e anche la soluzione del problema quando dice di essere un genitore autoritario e che vorrebbe essere più affettuosa con suo figlio.
Certamente il compito educativo è molto difficile soprattutto nella nostra società notevolmente stressante e competitiva, ma è sicuramente possibile se ci si propone di modificare in modo sostanziale il proprio stile relazionale ed educativo.
Spesso nella relazione genitore - figlio si instaura un circolo vizioso nel quale ad un atteggiamento poco sereno, duro, e frustrante del genitore il figlio reagisce con uno stato di sofferenza e malessere che lo porta ad essere più irritante, aggressivo, disubbidiente, scarsamente disponibile, poco attento agli altri e ai suoi doveri. Questa condizione spinge, a sua volta il genitore ad essere maggiormente punitivo e rimproverante. La qual cosa peggiora i vissuti interiori del bambino e deteriora ancor più la relazione sia con l'adulto sia con tutte le altre persone con il quale il bambino si relaziona, nel suo caso l'altro figlio minore.
Bisogna allora rompere questo circolo vizioso ed instaurarne uno virtuoso nel quale il protagonista non può che essere il genitore il quale deve riuscire a sostituire ai rimproveri le lodi, ai castighi i premi.
Io consiglio in questi casi ai genitori che si trovano in questa situazione di segnare su un quaderno il numero dei rimproveri e dei castighi dati al figlio in un giorno e la quantità di lodi, di baci, di abbracci, di gratificazioni dati nella stessa giornata e poi imporsi di dimezzare ogni giorno il numero dei rimproveri e dei castighi e di raddoppiare il numero di lodi, baci, abbracci e gratificazioni dati senza tener conto dei comportamenti del bambino fin quasi ad annullare le punizioni ed i rimproveri.
Bisogna però intraprendere questo percorso non come una delle tante prove effettuate per risolvere il problema ma come una strada da percorrere con l'obbiettivo di rimarginare nel tempo che può essere anche lungo, le ferite presenti nell'animo del figlio al fine di migliorare con il suo benessere la fondamentale relazione genitore-figlio.
In questa percorso, a volte, è necessario che il genitore chieda ed accetti di essere aiutato mediante una terapia psicologica o farmacologica che abbia come obbiettito una maggiore serenita e una minore irritabilità.
Una psicoterapia del figlio potrebbe essere sicuramente utile ma in aggiunta a quanto detto sopra.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

INSERIMENTO SCOLASTICO  E RITARDO MENTALE

 

Gent.mo Centro Logos
Vi scrivo per un consiglio riguardo alla bambina di cui avrò cura questo anno scolastico (sono un insegnante di sostegno) e che dalle mie primissime osservazioni (è da 3 giorni che la conosco) mostra delle difficoltà nella lettura oltre che ad un lieve RM.
La bimba ha cronologicamente 7 anni (frequenta la II primaria), ma mentalmente credo (non ho visionato ancora la documentazione) ne abbia appena 5: un indicatore di ciò è il fatto che non ha ancora acquisito il fonema -R (sostituito con la L).
La bambina ha difficoltà nell'individuare l'inizio e la fine di una riga e a colorare (esce dai contorni e non segue mai una direzione specifica).
L'inserimento nella scuola primaria l'anno scorso è stato difficoltoso. Le maestre mi hanno infatti riferito che tutta prima parte dell'A.S l'avevano dedicato al graduale passaggio dall'una altra realtà scolastica (ingressi posticipati, uscite anticipate, ecc.). La bambina si mostrava irritata nello stare seduta e in classe, scappava, si spogliava ... insomma mostrava evidenti segnali di disagio. Le insegnanti hanno perciò dedicato gran parte del tempo alla sua graduale scolarizzazione, e forse a discapito dell'alfabetizzazione.
Tuttavia la bambina è riuscita ad imparare le lettere dell'alfabeto, a scriverle sotto dettatura e a ricopiarle dalla lavagna e/o dal libro. Il problema era ed è rimasto la LETTURA. Finché si tratta di riconoscere e leggere lettere singole non mostra problemi, ma quando si tratta di sillabe la situazione si complica, bloccando il processo di lettura.
Alla luce della situazione che vi ho prima esposto e degli obiettivi che noi insegnanti ci siamo poste (la lettura di sillabe e quindi parole), cosa mi consiglia? Come mi posso muovere?

Grazie di cuore,

Gentilissima insegnante 
Il caso che lei ci propone ha un duplice aspetto: da una parte vi è una bambina più piccola della sua età (forse come lei ha detto ha cinque anni di età mentale) che è costretta a rimanere in un ambiente, la scuola elementare, per il suo sviluppo psicoaffettivo ancora poco idoneo, che le provoca, quindi, una notevole sofferenza, dall'altra la stessa bambina dovrebbe impararare la tecnica della lettura e della scrittura con il metodo analitico, il quale metodo è ben noto comporta notevoli difficoltà come lei ha evidenziato, sia nella sintesi sia nell'analisi sillabica.
Se si vuole essere d'aiuto a bambini come questi bisogna adattarsi alle loro possibilità e non  cercare di farli adattare ai nostri metodi standard.

Pertanto:
1) adattiamo il numero di ore da trascorrere a scuola al suo sviluppo psicoaffettivo. Meglio poche ore trascorse bene che tante ore trascorse male.
2) facciamo in modo che quando è stanca di stare in classe possa allontanarsi da questa per trascorrerre qualche momento di gioco libero  nel cortile o nel corridoio.
3) avviciniamola all'apprendimento della lettura e della scrittura con un metodo adatto per la sua età mentale: un metodo sillabico facilitato. Può scaricare dal nostro sito "Leggo anch'io" prima e seconda parte.
4) miglioriamo le sue capacità logiche mediante il nostro programma "Voglia di crescere" iniziando dal quarto livello. In questo programma troverà anche molti apprendimenti curriculari.
5) instauriamo con la bambina un rapporto nel quale sia prevalente la comprensione, il gioco, lo stare bene insieme piuttosto che il dovere e l'impegno in quanto, se si sta bene con un'insegnante o con un adulto in genere, si impara molto di più e molto meglio.

Spero di esserle stato d'aiuto. Per qualunque cosa siamo a sua disposizione.
Approfittiamo dell'occasione per inviarle cordiali saluti.
 

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

DISAGIO NEI CONFRONTI DELLA SCUOLA

Egregio Dott. 

 

Mi perdoni per la mia ulteriore richiesta di chiarimenti. Ma il percorso scolastico del mio piccolino mette un po' in ansia a me e mia moglie, con ulteriori tensioni.

 

Ieri abbiamo incontrato le maestre per la pagella del quadrimestre, in particolare l'insegnante di italiano ci ha riferito che dal mese scorso (più o meno data precedente mail) ci sono stati dei considerevoli miglioramenti.

 

Pero': 

 

- alcune volte si blocca su delle parole, anche semplici e già conosciute, e come se andasse in panico alla ricerca di aiuto;

- rispetto alla classe e' più lento e quindi a volte lui se ne rende conto e questo lo inibisce ancor di più;

- nella lettura e' migliorato molto, pero' la mattina prima di andar a scuola gliela facciamo ripetere più volte, per farlo sentire più sicuro. Facciamo bene?

- la maestra ci dice che nello scrivere sotto dettatura va benino pero' se lo deve fare di  sua iniziativa e' più in difficoltà.

 

Nelle altre discipline, matematica disegno linguaggio non ha problemi. Nemmeno nel socializzare con gli altri. Lo vediamo molto sensibile, e la maestra mi dice cha appena arriva a scuola vuole andare in bagno, e lo accontentano.

 

Forse soffre un po' l'ambiente scolastico? Cosa ci consiglia? Aspettiamo? Possiamo fare qualche intervento di sostegno specifico? Specialistico?

 

Il bambino ha sei anni e 8 mesi. Prima elementare.

 

SE PUO' gliene sarei grato.

 

GRAZIE COMUNQUE

 

E' difficile, se non impossibile, senza poter effettuare una valutazione globale di vostro figlio, rispondere adeguatamente alle vostre domande. 
Da quando posso capire dalle vostre parole il bambino sta progredendo, anche se più lentamente degli altri coetanei, nell'apprendimento della lettura e della scrittura. Questo lo fa rientrare sicuramente nella norma.
Per quanto riguarda il suo stato d'animo mi sembra di capire che vi sia un certo disagio nei confronti della scuola che potrebbe essere causato da un vostro atteggiamento troppo ansioso nei confronti delle attività didattiche. Bisognebbe considerare la scuola come una delle tante componenti della vita di un bambino e non la componente più importante, nè tantomeno l'unica.
La vita di un bambino dovrebbe essere fatta di dialogo allegro, affettuoso e spontaneo con i propri genitori; di gioco libero effettuato sia con gli adulti che con gli altri bambini. Nella sua vita di ogni giorno, inoltre, non dovrebbe mancare il contatto con la natura: piante ed animali.
Alle attività scolastiche bisognerebbe dedicare non più di un terzo delle ore pomeridiane in quanto un bambino sereno, allegro e riposato impara rapidamente e bene, un bambino stressato e stanco o non impara o impara con molte difficoltà sprecando una enorme quantità di energia psichica.
Vi consiglio, pertanto, di focalizzare la vostra attenzione più sul benessere psicologico del bambino che sui suoi impegni scolastici. Questi impegni, inoltre, quando sono indispensabili, affrontateli sempre come un gioco da fare insieme: padre con il figlio, madre con il figlio, piuttosto che come dei pesanti, insopportabili doveri da compiere.
Spero di esservi stato d'aiuto.
Vi invio molti cordiali saluti.

 

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

RITARDO O DISTURBI PSICOLOGICI?

Buongiorno , sono la mamma di un bimbo di 7 anni che non va per niente volentieri a scuola e fatica a svolgere le attività scolastiche se non è continuamente sollecitato, circa 2 mesi fa abbiamo fatto tutti i test per capire se anche lui , come suo fratello, ha un disturbo dell’apprendimento e da questi test è risultato un Qi di 64, ma la psicologa non gli ha dato il ritardo mentale perchè ci ha detto che ci sono troppe interferenze emotive,  adesso lo stiamo portando da una psicologa che in effetti ci ha confermato lo stato emotivo molto forte di mio figlio, vorrei chiederle se veramente un problema emotivo può dare  un risultato dei test così basso e se ci sono dei percorsi che posso utilizzare per aiutarlo. La ringrazio molto  e la saluto caramente.

 

Gentile signora

E' molto importante stabilire se i problemi che ha il suo bambino siano di origine psicologica o  sono dovuti ad un ritardo mentale in quanto gli obiettivi e gli strumenti per superare l'uno o l'altro sono notevolmente diversi.

Penso che un buon neuropsichiatra infantile potrà capire abbastanza facilmente ciò indagando sulla storia del bambino e sulla sua attuale vita relazionale ed affettiva, ma anche voi genitori stessi se riuscite ad osservare con obiettività il bambino potete capire se questi è sereno e tranquillo oppure è turbato da problemi psicologici.

In realtà uno stato emotivo alterato può influire negativamente sui test di livello in quanto la mancanza di serenità interiore rende difficile se non impossibile una buona utilizzazione delle proprie capacità intellettive.

Cerchi di avere una diagnosi più precisa e poi ci scriva.

Intanto voglia gradire cordiali saluti.

 

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

QUALE MATERIALE UTILIZZARE PER UNA RAGAZZA CON RITARDO MENTALE LIEVE

Salve, siamo i genitori di una ragazza ( 16 anni ) con ritardo cognitivo lieve, dopo aver visitato il vostro sito abbiamo deciso di scrivervi questa mail per farci consigliare in modo dettagliato e inerente all'età della ragazza, il tipo di materiale da scaricare.

 

GRAZIE anticipate a tutti voi che volontariamente e gratuitamente mettete a disposizione questo materiale pregiato per noi genitori.

 

 

 

La stimolazione logico-cognitiva nel ritardo mentale necessita di un programma appositamente strutturato e preparato a tale scopo come può essere "Voglia di crescere". Sono però necessari alcuni accorgimenti:

  1. Leggere approfonditamente il libro guida di "Voglia di crescere" che è possibile scaricare sempre dal Download del sito soprattutto per capire bene sia lo scopo o gli scopi che le corrette modalità di utilizzo del programma. 

  2. Individuare l'età mentale della ragazza. Ciò è possibile effettuare con dei test intellettivi ma anche mediante le scale di sviluppo che è possibile scaricare dal nostro sito. 

  3. Nel momento in cui si è a conoscenza dell'età mentale del minore è necessario iniziare dal livello appena precedente la sua età mentale. Ad esempio se la sua età mentale è di sette anni bisogna iniziare dal sesto livello; se è di otto anni bisogna iniziare dal settimo livello.

  4. Dopo avere effettuato bene, e quindi con pochi e sporadici errori, il livello cartaceo  utilizzare come ripasso lo stesso livello in forma interattiva sul computer. 

  5. Passare, quindi, al livello successivo. E così via per ogni livello. 

 

"Voglia di crescere" sia in forma cartacea sia in forma interattiva può essere scaricato dal Download del sito.

In ogni caso siamo sempre a vostra disposizione per ogni dubbio o difficoltà.

Grazie dei complimenti e...buon lavoro.

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

I BAMBINI DOWN E LA SCUOLA

Gentilissimi,

 

Sono la mamma di una bambina speciale con sindrome di down, che frequenta la 3 media, purtroppo nonostante I miei sforzi non ha raggiunto Le competenze basi: scrivere, leggere, far di conto, non riconosce l'orario, I soldi....oltre al fatto che non è autonoma non ha IL senso dell'orientamento....pertanto volevo che si fermasse ancora un anno, premetto che lo scorso anno affinchè ciò avvenisse ho dovuto far fare delle assenze affinchè perdeva l'anno....

 

Desidero sapere come fare per ottenere ciò a chi posso rivolgermi?

 

Il dirigente scolastico è contrario alla mia proposta.

Grazie


Gentile signora

Quando una ragazza Down arriva alla fine della terza media senza saper leggere, scrivere e far di conto qualcosa non è andato per il verso giusto o nella programmazione o nel materiale educativo e di stimolazione che è stato utilizzato o nell'approccio nei confronti di questa minore. Quasi tutti i bambini Down, se ben seguiti ed educati, di regola hanno le potenzialità e le capacità necessarie per raggiungere gli obiettivi di cui lei parla nella sua E-mail. Pertanto il problema non è aggiungere un altro anno di scuola ai tanti che ha fatto ma cambiare approccio e  metodologia affinché la ragazza sviluppi le capacità, anche se limitate, di cui è portatrice. Per tale motivo penso che sarebbe più utile seguire personalmente la ragazza utilizzando un programma idoneo, come può essere "Voglia di crescere" che può scaricare gratuitamente dal nostro sito.

Restiamo in ogni caso sempre a sua disposizione per ogni aiuto e supporto.

Cordiali saluti

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UN BAMBINO CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO

MIO FIGLIO HA 7 ANNI, FREQUENTA LA SECONDA ELEMENTARE.

I MAESTRI CI DICONO CHE NON RICONOSCE L'AUTOREVOLEZZA DEGLI ADULTI, CHE NON RISPETTA LE REGOLE DEL CONTESTO SCUOLA, CHE INTERAGISCE IN MODO SCORRETTO COI COMPAGNI E CHE, OLTRE A TUTTO QUESTO, IL SUO PROFITTO è CALATO RISPETTO AL PRECEDENTE ANNO SCOLASTICO, DURANTE IL QUALE LA SITUAZIONE ERA DIFFERENTE.ANCHE A CASA è AGITATO, PIù DISOBBEDIENTE  E NERVOSO.

COME POSSO FARE PER AIUTARLO A RISPETTARE LE REGOLE SOCIALI, SCOLASTICHE E DOMESTICHE?

LA MIA PAURA è CHE CRESCA COME UN BAMBINO SBANDATO E DISADATTATO.

IO SONO SOLITAMENTE SONO PIù ACCOGLIENTE, MENTRE MIO MARITO è MOLTO AUTORITARIO E RIGIDO.

QUALE LINEA EDUCATIVA POSSIAMO PROPORGLI?

VI RINGRAZIO PER LA DISPONIBILITà.

UNA MAMMA IN CRISI

 

 

Gentile signora
I disturbi del comportamento sono soltanto dei segnali di qualcosa che non va per il verso giusto nell'ambiente di vita del bambino. Pertanto è necessario capire che cos'è che non va. Le cause possono essere tante: sicuramente uno dei motivi può essere un'educazione troppo permissiva nella quale non vi sono norme e limiti chiari e netti, oppure, al contrario un'educazione troppo rigida e oppressiva o un ambiente familiare nel quale vi sono o vi sono stati conflitti notevoli e prolungati. Altre cause possono riguardare il tempo e le modalità con la quale i genitori si relazionano con lui. Un tempo troppo scarso, un dialogo troppo povero e non costante possono portare a questo tipo di disturbi. Un buon specialista neuropsichiatra infantile o  psicologo possono chiarire bene quali dinamiche sono presenti nella famiglia e nell'ambiante dove vive il bambino. Intanto potrebbe leggere insieme a suo marito un nostro libro"Educazione negata" dove sono esaminate le varie cause e dove può trovare molti suggerimenti per un proficuo e fisiologico approccio con il bambino.
Molti cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UNA BAMBINA CON LIEVE RITARDO MENTALE

mia figlia di 9 anni ha un lieve ritardo mentale (68 di Q.I.) . sto utilizzando le vostre schede . Sono partita dai 6 anni . Non ho capito se esistono anche dei cd da poter utilizzare . se ci fossero chiedo gentilmente in cosa consistono e il prezzo . grazie infinite 

 

 

Gentile signora
Il programma di stimolazione logico - cognitiva "Voglia di crescere" è sia in forma cartacea sia su CD interattivi. Il contenuto è simile ma il modo di utilizzo è differente in quanto i CD hanno il pregio di essere utilizzati dal bambino come un video - gioco e quindi sono più interessanti, d'altra parte utilizzando la forma cartacea è possibile instaurare un rappordo più dialogante con il bambino: rapporto utile sia ai fini dell'apprendimento in quanto il genitore o l'educatore ha la possibilità di spiegare con calma ogni scheda, sia per instaurare un rapporto di gioco affettuoso con i genitori o gli educatori in genere. Anche i CD sono tutti scaricabili gratuitamente dal nostro sito dalla sezione Download alla voce 
Gli undici livelli interattivi di "Voglia di crescere" Per il loro utilizzo è necessario seguire attentamente le istruzioni allegate.
Ci faccia sapere come procede l'apprendimento.
Si ricordi che siamo sempre a sua disposizione per ogni necessità.
Molti cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UNA TRADUTTRICE VOLONTARIA

Gentilissimi Signori:

 

 

Ho visto nel Vs. sito che state cercando persone per tradurre volontariamente il programma "Voglia di crescere". Io sono disposta a farlo in spagnolo (la mia madrelingua), volentieri, e a titolo gratuito.



E' molto bello trovare delle persone come lei che mettono gratuitamente a disposizione le proprie capacità e competenze in favore degli altri. Io, come facente parte da tanti anni di questa associazione di volontariato, dovrei esserci abituato ma, le assicuro, che ogni volta  che mi capita qualcosa del genere rimango sempre incredibilmente e piacevolmente sorpreso. Ed il cuore mi si riempie, ancora una volta, di gioia e ottimismo nei confronti della profonda generosità degli uomini e della vita.
Grazie quindi della sua preziosa disponibilità che non possiamo che accettare.
Come ha già visto abbiamo iniziato a tradurre alcuni livelli del programma "Voglia di crescere" nella sua bellissima lingua ma, sicuramente, gli errori saranno tanti in quanto abbiamo utilizzato per fare ciò le competenze scolastiche di alcuni tirocinanti. Avere la disponibilità di una persona di madrelingua è il massimo della fortuna. 
Potrebbe, pertanto, cominciare a correggere i livelli già tradotti per poi continuare con gli altri.
Le invio, quindi, in allegato i primi livelli da correggere. Gli originali in italiano li può scaricare direttamente dal nostro sito alla sezione Download.

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

 

UN BAMBINO CON DISTURBI PSICOAFFETTIVI E RELAZIONALI

BUONGIORNO, MIO FIGLIO DI ANNI 6 STA FREQUENTANDO CON NOTEVOLI DIFFICOLTA' IL 1° ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA, LA MAESTRA E' PREOCCUPATA PER IL RIFIUTO DEL BAMBINO A SCRIVERE, LUCA NON RIESCE , SE NON CON STIMOLAZIONI CONTINUE, A RICOPIARE LE LETTERE E LE PAROLE CHE LA MAESTRA STESSA SCRIVE ALLA LAVAGNA, QUANDO RIESCE IL COMPITO NON è MAI SVOLTO COMPLETAMENTE E LA GRAFIA APPARE INCERTA, LE LETTERE VENGONO SPESSO INVERTITE. SI ESTRANEA DALL'ATTIVITà DI CLASSE E ANCHE NEI RAPPORTI CON I COETANEI TENDE, DOPO UN PRIMO INIZIALE APPROCCIO PROPOSITIVO, AD ALLONTANARSI NEL SUO MONDO. MI CAPITA, AD ESEMPIO, ALLE VOLTE DI VEDERE CHE PARLA DA SOLO, MENTRE GLI AMICI GIOCANO A PALLA O SI DIVERTONO COMUNQUE INSIEME. IL BAMBINO E' SEGUITO DA CIRCA 1 ANNO DA UNA PSICOLOGA AD ORIENTAMENTO ANALITICO, INOLTRE CI SIAMO RECATI AL CENTRO DI NEOUROPSICHIATRIA INFANTILE DELLA NOSTRA ZONA PER UNA VALUTAZIONE GLOBALE. IN TALE OCCASIONE GLI E' STATO DIAGNOSTICATO UN Q.I. AI LITI DELLA NORMA, E UN DISTURBO GLOBALE ASPECIFICO DELLA PERSONALITA'. VORREI UN CONSIGLIO SU COME SEGUIRE AL MEGLIO IL MIO BAMBINO DAL PUNTO DI VISTA DIDATTICO E SE CI SONO ALTRI INTERVENTI DI AIUTO DA POTER ATTIVARE OLTRE A CIO' CHE STIAMO GIA' FACENDO. GRAZIE PER IL VOSTRO ASCOLTO 

Gentile signora

 

E' sicuramente difficile dare dei consigli ad una mamma preoccupata per il suo bambino senza aver parlato a lungo con i suoi genitori e aver visitato e ascoltato il piccolo. Pertanto i miei suggerimenti ed indicazioni non possono che essere generici.

A quanto capisco dalla sua lettera e dalle diagnosi ed asami che sono stati effettuati a suo figlio, i più importanti problemi di questi dovrebbero essere di tipo relazionale e psicoaffettivo anche se lei, giustamente, è preoccupata anche delle sue difficoltà scolastiche.

Per quanto riguarda i problemi relazionali e psicoaffettivi questi, a nostro avviso, nascono quasi sempre da esperienze traumatiche della prima infanzia ma anche attuali, che lasciano nell'animo dei piccoli sofferenza, paure e angosce difficili da immaginare e da capire se la nostra visione dei bambini rimane superficiale e poco attenta. mentre sono evidenti se ci mettiamo in intimo ascolto del loro animo sofferente. Ha fatto quindi sicuramente bene nel fare seguire il  piccolo da una psicologa ma oltre questo aiuto esterno alla famiglia è necessario, anzi indispensabile, un impegno personale suo, di suo marito e degli altri familiari nel far di tutto per diminuire la sua sofferenza interiore, modificando l'ambiente attorno a lui così da farlo essere più sereno, accettante, dialogante, affettivamente vicino.

Evitare, quindi, al bambino quanto più esperienze traumatiche possibili: conflitti di coppia e familiari, inserimento precoce in ambienti ed in attività che non è ancora in grado di ben vivere e gestire, assenze genitoriali soprattutto materne, rimproveri, punizioni e commenti che possono ferire il suo animo. E' bene evitare, inoltre, un uso eccessivo della TV e dei video giochi.

Al contrario, invece, dare molto ascolto ai suoi bisogni e desideri di tipo affettivo; aumentare la presenza genitoriale durante la giornata; investire le proprie migliori energie per giocare e dialogare con lui seguendo i suoi giochi ed i suoi bisogni e desideri del momento; accoglierlo spesso e a lungo tra le nostre braccia così da fargli sentire l'amore che abbiamo verso di lui facendogli vivere con gioia ogni momento della giornata e ogni attività a lui proposta. A questo proposito per evitare di fare errori nell'interpretare i suoi bisogni sicuramente non sbagliamo se lasciamo a lui la decisione su cosa fare o come giocare e cosa non fare, in quanto lui conosce molto meglio di chiunque altro cosa gli può dare gioia  e piacere in quel momento e cosa, invece, accentua la sua sofferenza, le sue ansie e le paure.

Per quanto riguarda la scuola e le attività curriculari, se il bambino non è ancora maturo, dato anche il suo Q.I, sia ad una integrazione nella scuola primaria che nell'effettuare le attività richieste,  sarebbe opportuno rimandare ad un momento successivo l'inserimento scolastico facendogli vivere quest'anno, come un  tranquillo anno Sabatico nel quale recuperare una buona serenità e maturità interiore insieme ai suoi genitori o ad una tata particolarmente affettuosa ed attenta ai suoi bisogni. 

Spero che queste brevi e scarne indicazioni le siano utili. In ogni caso siamo a sua disposizione per ogni necessità. 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

DA QUALE LIVELLO INIZIARE?

Buongiorno,
mio figlio ha un ritardo, diagnosticato QI 69, ha 11 anni anagrafici e frequenta la quinta elementare quest'anno. E' nato con due malformazioni congenite, un piede torto e la palatoschisi, che sono state curate con successo nei primi anni di vita. Come conseguenza della palatoschisi e dell'intervento, ha avuto difficoltà nell'articolare tutta una serie di fonemi, per cui ha frequentato una logopedista per anni. Inoltre ha sofferto di ripetute otiti che hanno portato all'insorgere di un colesteatoma, operato una prima volta tre anni fa e di nuovo a luglio di quest'anno. Adesso ha anche una certa riduzione di udito, stiamo aspettando la completa guarigione dell'orecchio interno per valutarne l'entità ed eventualmente ricorrere ad un apparecchio acustico. 
E' entrato a scuola regolarmente a sei anni, ed è stato bocciato in prima elementare. Indubbiamente era immaturo per la sua età e noi abbiamo sbagliato forse a non fargli fare un anno di asilo in più, ma all'epoca non avevamo ancora sospetti su un ritardo. Molto ha influito però il fatto di avere due insegnanti che assolutamente non lo hanno aiutato minimamente, anzi non hanno fatto altro che umiliarlo ed isolarlo, esortando anche i compagni a metterlo in disparte, e che addirittura non hanno voluto riconoscere le sue difficoltà (esempio: ho portato l'audiometria per dimostrare che ha problemi a sentire bene, e quindi chiedevo che venisse posto nei primi banchi e non nell'ultimo come fino ad allora e mi è stato risposto che non era vero che sentiva male. Di fronte alle misurazioni!!!)
Per fortuna nella nuova scuola ha incontrato delle ottime maestre e questi anni sono andati molto bene, pur con qualche difficoltà (ad esempio nella gestione del materiale). Fino ad ora non ha avuto problemi particolari a seguire il programma scolastico, ma piano piano le difficoltà aumentano e aumenta anche il suo disagio nella vita sociale, in quanto ha comportamenti più immaturi rispetto ai compagni di scuola (che hanno comunque un anno meno di lui).
Adesso ho scoperto il vostro sito e vorrei provare ad usare con lui il vostro programma "Voglia di crescere" ma non so da quale livello iniziare. Con le informazioni che vi ho dato riuscite a darmi un'indicazione di massima? 
Grazie e cordiali saluti

 

Gentile signora
Ho letto con interesse la sua E-mail. Naturalmente è bene verificare, come state già facendo, gli eventuali problemi di udito del bambino in modo tale da correggere, se necessario, l'eventuale deficit. Per quanto riguarda il livello da utilizzare, dato il Q.I  l'età del bambino penso che potreste iniziare dal sesto livello, che non dovrebbe dargli molte difficoltà, per poi continuare con i livelli successivi. Sarebbe bene utilizzare lo stesso livello prima in forma cartacea e, successivamente, come ripasso, in forma interattiva per almeno un'ora al giorno. Se le insegnanti sono disponibili il bambino potrebbe effettuare il programma sia a casa che a scuola. 
 Le consiglio però di leggere bene, prima di iniziare il programma, il libro guida di "Voglia di crescere" che può scaricare sempre dal Download.
Ci faccia sapere come procede la stimolazione logico - cognitiva del bambino.
Intanto voglia gradire molti cordiali saluti.

 

A SCUOLA A CINQUE ANNI ?

Mi sono casualmente imbattuta nel vostro sito essendo alla ricerca di schede di pre scrittura per mio figlio . 
Sono rimasta molto colpita dalla ricchezza del materiale e delle letture che con generosita' condividete , dalla chiarezza espositiva e sopprattutto dall amore per il vostro lavoro che trapela in ogni riga. 
Essendo mio figlio nato a febbraio ha la possibilita' di anticipare l ingresso alla scuola elementare e dopo accurata analisi di tante variabili sia sue personali( aspetto cognitivo, relazionale, capacita' di attenzione e voglia di apprendere, integrazione con i futuri compagni  ) sia relative al contesto scolastico in cui verra' inserito( compagni, maestre, metodologie didattiche) , abbiamo deciso di procedere all iscrizione . 
Per aiutarlo in questo passo ho cominciato a utilizzare le vostre schede partendo dal livello quattro per abituarlo alla metodogia e motivarlo con un appredimento graduale . 
Devo dire che quando facciamo questo 'gioco' per quanto io non sia un operatore specializzato e quindi probabilmente usi le schede in modo un po' ruspante  c'e' un clima di grande serenita' e anche divertimento, pertanto sono molto fiduciosa che serviranno tantissimo a mio figlio come base per il passaggio dalla scuola materna alla scuola primaria . 
Tanti complimenti e un grazie per tutto quello che fate 
Ho provveduto a fare una piccola donazione via bonifico bancario. 
Un cordiale saluto 
Antonella

Gentile signora Antonella

L'inserimento di un bambino nella scuola elementare a cinque anni non è sicuramente un male se, come ha fatto lei, si esaminano prima e si tengono nel giusto conto, alcune variabili importanti: quali la maturazione intellettiva e affettiva del bambino e le caratteristiche della scuola o meglio degli insegnanti con i quali inizierà il percorso didattico.  Se poi a tutto questo si aggiunge una preparazione fatta in un clima di gioco mediante un buon programma di stimolazione intellettiva come il nostro "Voglia di crescere" le probabilità di un ottimo inizio scolastico aumentano considerevolmente.

Auguri quindi per suo figlio e per la sua attenta e saggia mamma.

Grazie infinite per i complimenti che ha voluto fare al notro lavoro e per l'offerta che ha voluto dare.

Cordialmente la saluto

 

UNA BAMBINA CON CAPACITA' INTELLETTIVE  AI LIMITI DELLA NORMA

Buongiorno,
 sono la mamma di una bambina di dieci anni che frequenta la quinta elementare. la bambina ha evidenziato nel corso degli studi difficoltà prima minime poi crescenti in ambito logico e questo si riflette sopratutto sulla matematica dove ha dei risultati disastrosi. Sottoposta ai test per il QI è risultato essere ai limiti della norma (80). Ci è stato detto che in ambito scolastico farà sempre più fatica. Ho trovato sul vostro sito "Voglia di crescere nei bambini con capacità ai limiti della norma". tenendo conto che a settembre andrà alle medie, vorrei sapere se il vostro programma può esserle utile e nel caso cosa dovrei scaricare e come devo operare. fiduciosa in una vostra risposta vi ringrazio in anticipo.

 

Gentile signora

Capisco come la sua bambina abbia manifestato difficoltà nel corso degli studi avendo delle capacità intellettive ai limiti della norma. Questo problema spesso non viene affrontato nelle scuole, in quanto non si riesce ad effettuare un vero insegnamento individualizzato. Pertanto sono presenti nella stessa classe e sono costretti a seguire lo stesso programma, con gli stessi strumenti didattici, bambini "normali" con un Q.I. di 120 e bambini sempre "normali" con un Q.I. di 80. Se non si riesce ad effettuare un programma individualizzato sarebbe necessario iniziare già nella scuola materna un programma di stimolazione logico -cognitiva come "Voglia di crescere" o rimandare l'inizio delle attività scolastiche di almeno un anno quando i genitori o gli insegnanti si accorgono della parziale immaturità del bambino.

Se il bambino ha già iniziato la scuola elementare sarebbe indispensabile utilizzare strumenti più semplici ed adeguati al suo sviluppo logico come la lettura sillabico -fonematica  "Leggo anch'io" e contemporaneamente migliorare le capacità logiche del soggetto con "Voglia di crescere".

Nel suo caso, poichè sua figlia dovrà inserirsi a settembre in una scuola media è bene iniziare subito il programma "Voglia di crescere" sia in forma cartacea che in forma interattiva mediante l'uso del computer, partendo dal settimo livello o comunque da un livello che la bambina riesce ad affrontare facilmente.

Le consiglio pertanto di scaricare gratuitamente dal nostro sito il livello settimo sia in forma cartacea sia in forma interattiva ed iniziare subito la stimolazione logico- cognitiva.
Spero di essere stato esauriente. In ogni caso non esiti a consultarci se lo ritiene necessario in quanto siamo sempre a disposizione degli operatori, dei genitori e dei bambini che presentano qualche problema. 
Intanto la saluto cordialmente.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UN GRAZIE A TUTTI I NOSTRI SOSTENITORI MA SOPRATTUTTO UN GRAZIE A FRANCESCO

Salve sono Cristina 

Vi  ringrazio per il materiale che mi avete spedito e ho provveduto, tramite banca, a mandarvi una piccola offerta.

Grazie ancora per la vostra estrema disponibilità.

Saluti

Mentre ringraziamo Cristina e tutti i genitori e gli operatori che contribuiscono a sostenere le attività del centro con le loro offerte, piccole o grandi che siano, ci corre l'obbligo di ringraziare soprattutto Francesco, un bambino con lieve ritardo mentale il quale ogni volta che viene a trovarci per il suo quindicinale controllo lascia  sempre come offerta 20 o 50 centesimi. Quando ha iniziato a dare il suo obolo abbiamo cercato di evitare che lo facesse ma il nostro tentativo è stato assolutamente inutile. Ci ha chiaramente spiegato che era importante per lui lasciare quei soldini: "Perchè dottore voi avete tante spese: la carta, i computer, la luce e come fate a pagare tutte queste cose se io non vi do i miei soldi?" La sua spiegazione ci ha convinto ma ci ha anche commosso. Francesco aveva perfettamente capito il significato di un'associazione di volontariato e il modo come sostenerla!

Grazie Francesco.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

SINDROME DI WILLIAMS E DISTURBO EMOZIONALE DELL'INFANZIA

Sono un'insegnante di sostegno alla primissima esperienza lavorativa.
Seguo due bambini: una bambina con sindrome di Williams e un bambino congololese con disturbo emozionale dell'infanzia non specificato, disturbo della comprensione del linguaggio e ritardo mentale lieve..
I due bambini frequentano entrambi la seconda classe della scuola primaria. Il bambino, però, è rimasto un anno in più nella scuola dell'infanzia quindi è più grande rispetto ai suoi compagni.
Con la bambina ho avviato un percorso di acquisizione delle abilità di letto-scrittura tramite un processo che miri alla consapevolezza fonologica aiutare a riconoscere le sillabe, (la scansione accompagnata dal battito di mani, saltelli, costruzione di collane infilando tante perle quante sono le sillabe, distinguere tra parole lunghe, corte ...) i suoni e a collegarli, lavoro sulle rime, lettere mobili, associazioni di immagini a parole tramite la composizione delle sillabe costitutive, primo avvio alla comprensione accompagnantodo brevi frasi ad immagini.
Nell'area logico-matematica le difficoltà sono maggiori per questo la invito ad operare concretamente (contare per contare oggetti, aggiungendo e togliendo, costruzione di numeri tattili) non riesce ad effettuare il passaggio alla decina.
Il bambino ha acquisito una discreta padronanza della strumentalità della letto scrittura e del calcolo, ma è molto meccanico. Si impegna molto, ci tiene a fare quello che fanno gli altri ma il suo deficit gli impedisce di comprendere quello che sta facendo. Piange spesso di fronte agli insuccessi ed è difficile farlo rinetrare nel compito.
In linea generale sono queste le caratteristiche dei bambini che seguo.
Vorrei sapere se i dvd di cui si parla nel sito possono essermi di aiuto soprattutto per il secondo bambino e se c'è altro materiale, oltre quello scaricabile che potrebbero essere adattati.
La ringrazio
Cordialmente

 

 

Intanto le faccio molti auguri per l'attività di sostegno che ha intrapreso. Attività che vedo svolge con molto entusiamo e penso anche voglia portare avanti con tanta professionalità. 
Il programma "Voglia di crescere" e gli altri sussidi da noi strutturati e messi a disposizione degli operatori e dei genitori, poiché sono nati da uno studio effettuato direttamente con i bambini disabili hanno la caratteristiche di essere molto graduati, brevi, interessanti e vari, Ciò ne permette l'uso sia per i bambini con ritardo mentale che con i soggetti affetti da disturbi psicoaffettivi i quali sono molto sensibili alle frustrazioni oltre ad avere notevoli difficoltà nell'attenzione. Pertanto penso possono essere molto utili ai bambini che le sono stati affidati.  
E' però necessario unire sempre ad uno o più strumenti idonei un grande rispetto e attenzione ai bisogni affettivi e psicologici dei bambini. Per ottenere dei buoni frutti è necessaripo far sentire loro, con i fatti, il notro affetto, la nostra comprensione, la nostra vicinanza ai problemi che agitano i loro cuori e di consequenza anche le loro menti. Pertanto cercheremo di non metterli mai in difficoltà presentando degli apprendimenti non adeguati al loro sviluppo intellettivo e cercheremo, inoltre, di rispettare anche i loro tempi di attenzione, la stanchezza che può sopraggiungere in qualunque momento, ma anche il loro bisogno di dialogo e gioco libero. 
Le consiglio intanto di leggere e studiare bene il libro guida di "Voglia di crescere" e di utilizzare il materiale cartaceo adatto allo sviluppo loigico-cognitivo dei bambini che le sono stati affidati. Ad esempio per la lettura può utilizzare "Leggo anch'io" che rende l'apprendimento di questa tecnica facile e stimola la comprensione di quanto letto. I dvd interattivi li potrà sfruttare in un secondo momento come ripasso delle attività effettuate con il materiale cartaceo. 
Sperando che questi consigli le possano essere utili voglia intanto gradire cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

INSERIMENTO PRECOCE A SCUOLA

Buon pomeriggio,

mi  sono imbattuta in maniera casuale sul vostro sito, vorrei avere qualche consiglio in merito alla "situazione" scolastica di mia figlia.

In breve: mia figlia compirà 5 anni il prossimo 1 Marzo frequenta la scuola dell'infanzia, terzo anno, ma le maestre mi hanno comunicato che non deve andare a Settembre di quest'anno, alla scuola elementare. Tengo a precisare che alcune bambinè più grandi di mia figlia solo di 2 mesi sono considerate più "mature" per andare a scuola. Il problema non è nella maturità dei singoli bambini ma un fatto di data di nascita. In buona sostanza mia figlia attualmente non sta facendo il percorso che dovrebbe fare per affrontare la scuola Elementare. Vorrei chiederVi se sul vostro sito è possibile acquistare qualche libro da utilizzare per la preparazione al primo anno di scuola elementare.

Grazie


Anna da Napoli

 

Capisco il suo disappunto per la difficoltà che le è stata presentata da parte delle insegnanti dovuta alla tenera età di sua figlia. 
Io non sono pregiudizialmente contrario all'inserimento precoce dei bambini nella scuola elementare se sussistono almeno due condizioni:
1) La prima è una buona serenità interiore che permetta alla bambina di non soffrire a causa delle regole, delle norme e dei limiti necessarimente imposti nella scuola elementare. Limiti, regole e norme che sono sicuramente nettamente maggiori e più restrittivi di quelli richiesti nelle aule della scuola dell'infanzia.
2) La seconda condizione è che la bambina abbia acquisito i necessari prerequisiti nello sviluppo logico, nella lettuira e nella scrittura. Questo secondo punto si può facilmente e rapidamente ottenere utilizzando il programma per la lettura facilitata "Leggo anch'io" e il programma per lo sviluppo logico e cognitivo "Voglia di crescere" sia cartaceo che con DVD iniziando dal quarto livello. 
La nostra è un'associazione di volontariato e pertanto non vendiamo quanto prodotto  dai nostri volontari e tirocinanti ma accettiamo soltanto delle offerte. Lei, come tutte le altre mamme e operatori, può scaricare direttamente dal nostro sito alla sezione Download quanto le serve di materiale cartaceo. I DVD, se le servono, li può richiedere inviando il suo indirizzo postale.

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UNA MAMMA DISPERATA

Salve sono la mamma di Alessia una bimba di 5 anni con disturbi :alterazione globale sviluppo psicologico con ritardo cognitivo e disturbo linguaggio espressivo f.84.9  f-70  f.80.1 la mia piccola ha gia' iniziato delle terapie quali psicomotricita' e logopedia in una struttura pubblica essendo una mamma desiderosa di aiutare mia figlia nel modo piu' efficace possibile vi chiedo la cortesia di inviarmi al piu' presto il materiale che voi ritenete opportuno al CASO PER UN PIU VELOCE RECUPERO .
penso che  l'aiuto della famiglia possa essere fondamentale ma io non sono un esperta in questo campo mi mancano gli strumenti necessari ,mi sento un pesce fuor d'acqua ...aiutatemi ma sopratutto aiutiamo mia figlia . Attendo con ansia un vostro riscontro e il materiale cartaceo voglia di crescere e cd  grazie .

Gentile mamma
Capisco benissimo per averlo letto molte volte negli occhi di tanti genitori il suo stato d'animo e le sono vicino. 
Capisco anche le sue difficoltà nell'affrontare dei problemi importanti che riguardano i propri figli, tuttavia penso che se aiutati e sostenuti efficacemente i genitori e la famiglia nel suo complesso possano fare moltissimo.
Intanto le invio i DVD richiesti. Il materiale cartaceo che le può servire lo può trovare e scaricare gratuitamente dal nostro sito nella sezione Download. Nella stessa sezione può scaricare anche il libro guida di "Voglia di crescere" che le consiglio di leggere attentamente. Il nostra centro è inoltre disponibile ad  effettuare gratuitamente tutte le consulenze e i test necessari per impostare e far eseguire un programma di recupero globale della bambina. Per richiedere tali consulenze basta telefonare allo 09046920.
Le invio molti auguri per la sua bambina e  cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

I GENITORI SONO I MIGLIORI TERAPISTI DEL BAMBINO CON RITARDO PSICOMOTORIO

Buongiorno,  sono la mamma di un bambino di tre anni e mezzo affetto da ritardo psicomotorio. Dall'età di quindici mesi fa neuropsicomotricità, all'inizio 2 o 3 volte a settimana; da un anno la fa più assiduamente(4 volte a sett.). Dal punto di vista motorio i progressi sono più evidenti ,da un anno cammina discretamente anche se ancora non ha acquisito i paracaduti anteriori,quindi bisogna stargli continuamente vicino ed ama molto saltare. Dal punto di vista cognitivo i progressi sono più lenti e difficoltosi da raggiungere:non parla,vocifera molto e non associa.Qualche mese fa diceva "mamma"e "papà",ora non più; a che se riconosce tutti noi familiari,ogni volta che ci vede fa dei grandi sorrisi,però se gli si chiede dove sono mamma o papà lui non ci indica. Due traguardi raggiunti sono: se gli si mette la pappa nel cucchiaino la mangia da solo e se lo si mette sul water riesce a fare i suoi bisogni.Va al nido da un anno e mezzo e vi si trova molto bene.Credo che la sua età mentale sia intorno ai 7/8 mesiquindi mi farebbe piacere ricevere i vostri D.V.D. di "Voglia di crescere".Con riconoscenza e stima per il vostro lavoro.       

Gentile mamma
I bambini con ritardo psicomotorio possono avere un gran beneficio dall'uso del programma base per lo sviluppo logico e cognitivo "Voglia di crescere". Data l'età mentale del bambino (7-8 mesi) non penso però che possa essere utile il programma interattivo su DVD che potrebbe però essere utilizzato quando avrà raggiunto una maggiore età mentale e quindi una maggiore padronanza nella coordinazione fini motoria e percettiva. Penso che potrebbe essere più utile utilizzare il livello zero cartaceo stampato a colori che può scaricare dal Download del nostro sito insieme al libro guida "Voglia di crescere" che le consiglio di leggere attentamente prima di iniziare l'uso del programma.
Dalla lettura di questo libro potrà evincere come nei bambini con ritardo mentale il coinvolgimento diretto dei genitori sia lo strumento vincente in quanto, a differenza delle altre forme di terapia, si attua in un clima di gioco e di affettuosa partecipazione amorosa. Meno psicomotricità, niente asilo nido quindi e più giochi con mamma e papà, più carezze e baci, più dialogo profondo fatto di amore paterno e materno. Tenga, pertanto, sempre presente che nel caso di bambini con ritardo psicomotorio sono i genitori i migliori e più affidabili terapisti del loro bambino. 
Ci faccia lo stesso pervenire il suo indirizzo per l'invio dei DVD che potrà utilizzare in seguito.
Intanto voglia gradire molti cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO
Gent.le associazione Logos sono il papà di un bimbo di quattro anni e mezzo con un ritardo mentale lieve,

all'Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova gli avevano dato un'età di sviluppo globale di 2 anni e sei mesi

per un età cronologica di 3 anni e 10 mesi ed è stato dimesso con la seguente diagnosi:

Disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato (codice ICD-10 F84,9) nell'ambito di un ritardo psicomotorio.

Vi chiedo gentilmente se potete inviarmi i due DVD interattivi "VOGLIA DI CRESCERE" interattivo + demotest

e qualsiasi altro materiale riteniate utile a mio figlio.Vi preciso inoltre che gli piace molto usare il computer.

 

Le abbimo inviato in data odierna i DVD richiesti. Tutto il materiale prodotto in questi anni dalla nostra associazione lo può scaricare gratuitamente dal nostro sito nella sezione Download.
Per i bambini con semplice ritardo psicomotorio consigliamo di utilizzare il livello appena inferiore alla sua età mentale. Nel caso di suo figlio dovrebbe essere adeguato il primo livello.
Tenga però presente che la diagnosi di disturbo pervasivo dello sviluppo richiede più che una stimolazione logico cognitiva o altro materiale didattico degli apporti relazionali adeguati che si possono però indicare soltanto dopo un'attenta consulenza che può effettuare gratuitamente anche nel nostro Centro di Messina.
Per adesso voglia gradire molti cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

UNO SPLENDIDO BAMBINO CON RITARDO PSICOMOTORIO DI QUASI SEI ANNI

SALVE
Sono Antonella mamma di uno splendido bimbo di quasi sei anni con ritardo psicomotorio
 ho già visionato il Vs materiale e trovo che sia straordinario,
come siete straordinari tutti voi che lavorate al programma.
Mi piacerebbe utilizzare i DVD, anche perchè mio figlio adora usare il computer.
Vi farò sapere sue notizie se la cosa vi può interessare.
IN ATTESA DEL MATERIALE RICHIESTO DISTINTI SALUTI E BUONE FESTE

Gentile signora
Intanto la ringrazio molto dei complimenti  dei quali io e gli altri volontari del centro le siamo grati. Ci mandi pure il suo indirizzo completo e le invieremo al più presto i DVD richiesti. Le consigliamo però di utilizzare anche "Voglia di crescere cartaceo" che le permetterà un  maggior contatto con il bambino. 
Grazie anche della disponibilità ad inviarci una relazione sull'uso del programma che ci potrà permettere di migliorarlo ulteriormente.
Intanto voglia gradire da parte mia e degli altri componenti l'èquipe del centro infiniti auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

UN BAMBINO CHE CRESCE CON L'IMPEGNO DEI GENITORI

Buongiorno 
grazie per l'attenzione rivoltami.
Sto già utilizzando il materiale cartaceo di voglia di crescere, e trovo che sia strepitoso, è stato per me una salvezza.
Mio figlio ha già recuperato un anno e tanta serenità in un mese di lavoro.
Ho letto attentamente il suo manuale e l'ho fatto leggere all'insegnente di sostegno
di mio gfiglio, è inutile dirlo il successo è stato enorme, 
bisognerebbe farlo leggere a chiunque si deve occupare di un bambino.
Mi sto impegnando al massimo per aiutare mio figlio, 
e quando casualmente navigando ho trovato voglia di crescrere è stato per me come vincere alla lotteria. 
Grazie ancora il Signore ne renderà merito.
Rinnovo gli auguri

Le abbiamo inviato in data odierna i due DVD di "Voglia di crescere" che ci ha richiesto.
Siamo molto lieti di quanto il nostro programma abbia potuto contribuire alla crescita del suo bambino, questo ci rafforza nella convinzione di quanto sia importante un'adeguata stimolazione intellettiva per la crescita dei bambini che presentano ritardo psicomotorio.
Speriamo con il vostro aiuto ed il vostro sostegno di fare sempre di più e sempre meglio in favore dei bambini disabili.
Auguri ancora di buone feste a lei e al suo splendido bambino.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

UNA BAMBINA AFFETTA DA RITARDO PSICOMOTORIO

Salve, scrivo per avere un suggerimento in merito alla mia bimba, affetta da Ritardo Psicomotorio da causa ignota. Vorrei proporle il livello zero di Voglia di crescere, ma mi rendo conto che la sua età mentale è lontana da un possibile apprendimento in tal senso. La bimba, infatti, non indica nulla ed ha un'età mentale di 7/8 mesi. Non parla, lalla e non associa. Ha grosse difficoltà motorie: non striscia, non si sposta, non gattona e non cammina. Non si aggrappa a nulla per provare a sollevarsi. Mi rendo conto che i suoi limiti motori impediscono anche una evoluzione cerebrale, ma vorrei comunque trovare una strategia per aiutarla. La bimba segue un programma di neuropsicomotricità tutti i giorni, frequenta l'asilo nido e casa viene stimolata con giochi sonori e tantissima musica. Grazie in anticipo per la vostra gentile disponibilità. Una mamma.

 

Gentile mamma
Per avere un quadro completo delle problematiche della sua bambina e quindi degli strumenti e metodologie migliori per affrontare tale ritardo sarebbe necessaria una visita approfondita che può eventualmente prenotare telefonando allo 09046920. 
Da quanto lei mi descrive penso che il problema, anche se non semplice, può essere adeguatamente affrontato se si tengono nel giusto conto i bisogni fondamentali che riguardano tutti i bambini e contemporaneamente i suoi bisogni specifici.
Poichè i bambini piccoli, con un'età cronologica o mentale inferiore ai tre- quattro anni, hanno bisogno di vivere con gioia, fiducia, benessere e legame reciproco il rapporto con i genitori e soprattutto con la madre, non ci sembra utile il suo inserimento nell'asilo nido in quanto l'allontanamento dall'ambiente familiare e dal contatto materno non può che peggiorare la sua sintomatologia in quanto si rischia di inserire accanto ad una disabilità intellettiva anche delle problematiche psicologiche che possono peggiorare tutto il quadro clinico, compresi i suoi apprendimenti ed il suo futuro sviluppo intellettivo. 
Anche per quanto riguarda la stimolazione psicomotoria, tranne  che non esistano delle chiare lesioni neurologiche, questa può essere effettuata meglio e con più efficacia da un genitore che non da uno specialista, in quanto il bambino piccolo si trova molto più a suo agio tra le mani e le braccia materne o paterne che non tra quelle di un estraneo.
Nei bambini con ritardo mentale è necessario superare la tentazione di affidare la stimolazione ad altri, agli esperti, in quanto ci si ritiene poco competenti. Si ricordi che per il proprio bambino nessuno è più competente dei propri genitori se questi sono adeguatamente seguiti e hanno a disposizioni strumenti adeguati.
Per quanto riguarda  il programma "Voglia di crescere" il livello zero di questo programma può essere effettuato già ad un'età mentale di 7-8 mesi, ma con dei particolari accorgimenti che abbiamo descritto nella premessa e nel capitolo del libro che riguarda la guida manuale.
Si lasci andare quindi con la sua bambina al gioco reciproco, al reciproco toccamento, agli abbracci, ai baci e al piacere di stare insieme inserendo, di tanto in tanto, anche il gioco associativo pronunciando in modo scandito il nome dell'oggetto e aiutando la bambina a scoprire il piacere dell'associazione mediante la guida manuale. Dopo qualche tempo si accorgerà, da piccoli impulsi originati dal suo braccino e della sua manina, che la bambina ha compreso la consegna. Da questo momento in poi tutto sarà più semplice.
Auguri allora per la sua bambina e molti cordiali saluti.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/BAR005.GIF

 

 

Salve sono la mamma di un bambino di 4 anni,vorrei spiegare la sua situazione,ha iniziato a camminare a 20  mesi,abbiamo fatto tutti gli accertamenti dovuti all'ospedale Besta  di milano e andava tutto bene tanto che dopo pochi giorni dalla visita medica ha iniziato a camminare,e anche se è abbastanza impacciato cammina fa le scale abbastanza bene,il suo problema è che non parla dice mamma, papà,si,no tè e basta e queste parole e da pochi mesi che li dice perche prima non diceva niente,lui sta facendo il primo anno di materna ma purtroppo e capitato in una classe che abbiamo avuto delle incomprensioni con le insegnanti che l'hanno abbandonato a se stesso e l'hanno etichettato come un ritardati infatti l'anno prossimo li cambieremo classe,da più di un anno l'abbiamo portato in neuropsichiatria infantile preoccupati che non parlava e il neuro psichiatra da allora l'ha visto 4_5 volte e secondo lui non è un bambino che ha qualche problema neurologico o psicologico e solo un bambino che ha un ritardo nel parlare e va stimolato il più possibile,da 5 mesi con consiglio del neuropsichiatria ha iniziato a fare psicomotricità e vediamo dei progressi,cmq lui e un bambino che capisce tutto e si fa capire benisspresto,che se non parla,cmq quando vediamo i suoi coetanei notiamo che lui è più dietro nel fare le cose che fanno quelli della sua età, fa molti capricci e io fino a picco tempi fa lo accontentavo in tutto ed è stato il mio sbaglio,lui e il secondo dei miei tre figli,anche la mia figlia maggiore ha iniziato a parlare verso due anni e mezzo ma poi e partita e adesso e all'ultimo anno della materna ed è bravissima,io e mio marito non sappiamo più che altro fare con lui,la logopedia secondo il neuropsichiatria è ancora presto per farla,se mi può consigliare qualcosa che possiamo fare più di questo che sta facendo,mi scuso degli errori ortografici che magari avrò fatto perche sono straniera e mi scuso anche della mail lunghissima ma spero che mi risponderete al più presto.grazie