Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva81.JPG




L'immagine “http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/ANI002.GIF” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.> Apprendimento libero

L'immagine “http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/ANI002.GIF” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.APPRENDIMENTO PROGRAMMATO



SCHEDE PROGRAMMATE PER L’APPRENDIMENTO DI ELEMENTI CULTURALI


I“Voglia di crescere” vi sono dei gruppi di schede che hanno come finalità non uno sviluppo logico  e cognitivo globale ma uno specifico apprendimento. Esse, pertanto, sono strutturate  con sistemi programmati al fine di ottenere un più rapido e facile apprendimento. A differenza delle schede per lo sviluppo logico, queste non sono state sperimentate una alla volta e inserite nel livello più adatto, ma sono state provate come gruppo, in quanto è come gruppo che devono essere effettuate e non in modo singolo.

Come è noto vengono distinti un apprendimento libero e un apprendimento programmato.

http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/ANI002.GIF Aprendimento libero

Una pagina di un normale libro scolastico, ad esempio una pagina del libro di storia o di scienze, è un buon esempio di apprendimento libero in quanto ha certe caratteristiche che lo contraddistinguono:

•    il testo che spiega l’argomento trattato è spesso lungo e richiede, per una corretta comprensione, buone capacità di sintesi e di concettualizzazione;

•    spesso sono necessarie, da parte degli insegnanti, minuziose e lunghe spiegazioni  che rendano chiaro e comprensibile l’argomento trattato;

•    presuppone poi, da parte dello studente, non solo una o più letture del testo, ma anche una elaborazione che permetta sia di facilitare l’argomento che di sintetizzarlo mediante l’uso scritto o mentale di schemi concettuali;

•    la verifica viene effettuata sia per iscritto sia mediante le interrogazioni utilizzando domande a risposta aperta.

•    La gradualità è, in genere, molto deficitaria. L’autore del testo espone l’argomento seguendo il programma ministeriale o tenendo conto di un suo schema mentale senza aver verificato mediante prove obiettive la gradualità di ogni richie-sta o di ogni esercizio.

•    Presuppone molte esercitazioni senza possibilità immediata di controllo delle risposte e quindi senza una possibile autocorrezione.

•    Spesso non è sperimentato per l’età degli alunni a cui è diretto.

•    Nelle verifiche, il giudizio viene dato sull’allievo e non sul testo da lui utilizzato per lo studio e l’apprendimento.

•    Nella stessa pagina sono spesso presenti più unità didattiche.

 http://www.cslogos.it/uploads/images/ALTRE%20IMMAGINI/ANI002.GIF Apprendimento programmato.

L’apprendimento programmato ha delle caratteristiche particolari in quanto è finalizzato ad ottenere il migliore apprendimento possibile nel modo più facile e più rapido possibile.

•    Poiché una stessa unità didattica viene suddivisa in più elementi, l’argomento è esposto in forma molto semplice, breve ed immediata.

•    Spesso non è necessaria alcuna spiegazione in quanto la chiarezza e la brevità del testo unite alla presenza di numerose immagini esplicative la rendono superflua.

•    Il programma viene esposto seguendo una gradualità verificata sperimentalmente in base all’età mentale.

•    L’apprendimento viene attuato utilizzando schede a scelta multipla o scelta multipla incrociata. Come abbiamo detto questa metodica diminuisce di molto la possibilità di errore e quindi gratifica l’allievo e nel contempo permette e stimola il ragionamento e la memorizzazione del contenuto.

•    La scelta multipla incrociata permette spesso l’autocorrezione.

•    L’apprendimento è individuale. Ogni alunno utilizza un suo ritmo di apprendimento.

•    Questa metodica è adatta a tutti i bambini: normali, svantaggiati, ritardati o con disturbi psicoaffettivi.

•    L’apprendimento è di norma più rapido e omogeneo.

•    Poiché è sperimentato per i bambini a cui è diretto, un dato programma viene utilizzato solo se viene provata la sua efficacia.

•    In caso di fallimento viene giudicata negativamente l’unità programmata e non il bambino.

Vi sono vari tipi di programmazione. Quelle utilizzate in “Voglia di crescere”sono:

PROGRAMMAZIONE LINEARE

  http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva82.JPG

 É quella che si ritrova prevalentemente nei CD di "Voglia di crescere". All’allievo viene presentata una scheda. Se il bambino risponde correttamente va alla scheda successiva, se risponde in maniera errata anche ad una sola delle domande a scelta multipla o aperta, è costretto a ripetere la stessa scheda.

Se risponde in maniera esatta ad almeno otto schede su dieci passa al gruppo successivo, in caso contrario dovrà ripetere il gruppo che non ha superato.

Le schede sono inserite nella giusta gradualità.

Spesso sono presenti inizialmente uno o più aiuti, che successivamente saranno eliminati.

 Come completamento e verifica dell’apprendimento, alla fine di ogni gruppo sono presenti delle schede a scelta aperta. Se il soggetto commette degli errori si apre una pagina in cui sono presenti la risposta esatta e la spiegazione.


PROGRAMMAZIONE PER UNITÀ DI APPRENDIMENTO

  

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva83.JPG

 

L'apprendimento di ogni unità avviene progressivamente e gradualmente .

L'unità di apprendimento può riguardare le sillabe, i numeri, le parole, i colori ecc.

Ogni unità è formata da:

1.    L'apprendimento inizia con tre- quattro schede di associazione per uguaglianza o similitudine. In queste il bambino deve associare semplicemente due cose uguali, ad esempio due numeri o due colori uguali;

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva84.JPG


2.    alcune schede a scelta multipla incrociata. In queste, progressivamente, deve saper associare, per caratteristiche simili, i vari elementi della scheda. Ad esempio il numero con le quantità.

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva85.JPG

 


3.    alcune schede a scelta libera per la verifica. In queste il bambino dovrà ricalcare, scrivere o disegnare quanto richiesto. Ad esempio in “Quantità e numeri” dovrà scrivere il numero sotto ogni quantità.

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva86.JPG


In “Voglia di crescere” tale metodologia è stata utilizzata per  “Quantità e numeri”, “Album dei colori” e “Lettura globale”

 

PROGRAMMAZIONE AD INSERIMENTO PROGRESSIVO

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva87.JPG


In questo tipo di programmazione, dopo le schede di avvio, ogni nuovo apprendimento viene inserito in un sistema a scelta multipla incrociata nella posizione più facile (la terza) e poi, progressivamente, viene portato nella posizione più difficile (la prima). Ogni nuovo apprendimento viene, quindi, riproposto almeno tre volte.

Spesso vi sono inizialmente degli elementi che aiutano ad individuare la risposta corretta, che però vengono gradualmente eliminati. La verifica viene effettuata con schede a scelta aperta.

 

PROGRAMMAZIONE A GRUPPI

 

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva88.JPG


In queste ogni apprendimento fa parte di un gruppo, che forma quindi un’unità di apprendimento. Ogni unità è conformata in modo simile. Vi sarà pertanto:

  

http://www.cslogos.it/uploads/images/Diapositiva89.JPG

 


La scheda n° 1.

Scheda di presentazione.

L'immagine e la parte descrittiva sono una accanto all'altra con una delimitazione orizzontale che fa meglio comprendere il legame dell'immagine con la descrizione.

Scheda N° 2.

Scheda di verifica della comprensione.

Gli elementi descrittivi sono identici alla prima scheda ma per verificare la comprensione bisogna capire il contenuto e saperlo associare all’immagine corrispondente.

Scheda n° 3

Scheda dei concetti essenziali.

Il minore deve ritrovare l'immagine corrispondente mediante i concetti essenziali.

Scheda N° 4

Scheda delle definizioni.

Il bambino deve dare il nome al concetto che è stato definito completando la frase.


Scheda N° 5

Scheda per l’esposizione verbale.

In queste il minore deve esporre verbalmente quanto richiesto.


Il sistema di programmazione a gruppi è stato utilizzato per le schede di“Matematica ““Geometria”“Grammatica” e “Scienze.


I PERCORSI DIDATTICI

 

Il programma Good Istro, studiato all'interno del CSL e poi eleborato e strutturato da un esperto informatico rappresenta l'ultima proposta di apprendimento programmato.  

 

In Good Istro, sono presenti, essenzialmente quattro tipi di schede:

1) Schede di presentazione e studio dell'argomento.
In queste viene di volta in volta presentato un oggetto di studio corredato con disegni e foto.
Dopo aver letto bene e con attenzione il tema trattato, ripetendo a se stessi i dati contenuti, in quanto questi dati potrebbero fornire lo spunto per una o più domande, cliccando sulla parola avanti, presente in basso e a destra, si passa alle schede di verifica.

2) Schede di verifica della comprensione del tema trattato.
Queste hanno lo scopo di accertare che il soggetto abbia capito e ricordi i contenuti presentati. 

 

Nelle domande a scelta multipla basta cliccare sulla risposta esatta. 
Invece, nelle domande a scelta aperta bisogna rispondere per iscritto alla domanda presente nella scheda. 
In quest'ultimo caso, per evitare false risposte errate, è bene rispondere solo con una o due  parole, senza mettere l'articolo.  Molto spesso basta scrivere solo un "si" o un "no".
Se tutte le risposte sono esatte dopo aver cliccato su avanti si andrà alla scheda successiva. In caso contrario il programma ripresenterà nuovamente la scheda di studio dell'argomento.  

3) Schede di verifica dell'apprendimento.
 Ogni cinque e poi ogni dieci argomenti presentati, il programma controllerà che l'apprendimento sia avvenuto mediante una serie di schede di verifica. Anche in questo caso se la risposta non è corretta il programma vi ripresenterà la scheda di studio.
4) Schede degli errori.
Il programma "ricorda" tutte le schede nelle quali avete sono commessi degli errori. Queste, se numerose, saranno ripresentate dopo un certo tempo, in modo tale da essere certi che l'apprendimento sia avvenuto pienamente e correttamente.

 

STATISTICHE
Alla fine di ogni percorso didattico è possibile conoscere non solo il tempo impiegato per completare il percorso ma anche il numero e il tipo di errori effettuati.

 

Per effettuare i percorsi didattici è necessario scaricare sia il programma GOODISTRO che le singole applicazioni.

I percorsi didattici possono essere utilizzati per tematiche sia molto semplici sia molto complesse.

Attualmente proponiamo tematiche riguardanti gli animali utili all'uomo e argomenti di tipo storico.  

http://www.cslogos.it/uploads/images/GOODISTRO/COPERTINA%20STORIA%20S2-L3.jpg