Hai scaricato questo file 0 volte nelle ultime 24 ore, il limite è 100.
Il totale dei file scaricati è 0 nelle ultime 24 ore, il limite è 100.

ASSOCIAZIONI VERBALI3- 4L1p.pdf
Scarica

Descrizione:

 

 

 

 

 

ASSOCIAZIONI VERBALI 3-4L Prima parte

 

In queste schede sono presenti tre brevi frasi da collegare, per il loro significato, a tre immagini.

 Lo scopo è quello di stimolare la comprensione  dei nomi e delle espressioni linguistiche presenti nelle frasi, ciò porterà, naturalmente, a una maggiore ricchezza del vocabolario dell’anziano.

Nel momento in cui vengono richieste l’uso, la funzione, il significato o le caratteristiche dell’immagine presentata, abbiamo la possibilità di aiutare nel soggetto anziano lo sviluppo sia degli elementi culturali che del linguaggio espressivo.

 

Queste schede sono doppie. Nella prima, sotto l’immagine, è presente il nome dell’oggetto. Questa scheda è stata chiamata scheda con aiuto verbale.  Nella seconda vengono riproposte le stesse immagine ma non è presente il nome, scheda senza aiuto verbale. Giacché le capacità di lettura vengono conservate anche in uno stadio abbastanza avanzato di demenza, l’anziano potrà utilizzare questo strumento per ricordare il nome dell’oggetto. Nella scheda senza aiuto verbale invece, sarà costretto ad utilizzare solo la sua memoria.

Il gruppo di schede: ogni gruppo è formato da cinque schede doppie, in totale quindi dieci schede.

UTILIZZAZIONE

PRIMA SEDUTA

I  fase

Nella prima seduta si utilizzerà un gruppo di schede, cinque schede doppie.

Inizialmente l’anziano leggerà a voce alta, sia la breve frase presente nella parte bassa della scheda che il nome che si riferisce all’immagine di cui si chiede l'associazione. Nel caso in cui l’anziano non sappia leggere, sarà l’educatore stesso che leggerà sia la frase sia il nome dell’oggetto al quale la frase si riferisce.

Subito dopo sarà invitato a ripetere l’associazione ed i nomi nella seconda scheda  senza aiuto verbale.

II fase

Successivamente, il primo gruppo di schede sarà ripetuto almeno tre volte, utilizzando soltanto le schede senza aiuto verbale.

SECONDA SEDUTA

Nella seconda seduta l’anziano ripeterà l’attività proposta e si procederà come nella prima, tranne che le schede da ripetere senza l’aiuto verbale saranno non più cinque ma dieci schede (due gruppi).

TERZA SEDUTA

nella terza seduta si procederà come nella seconda, ma le schede da ripetere senza l’aiuto verbale saranno quindici ( tre gruppi di schede).

SEDUTE SUCCESSIVE

Ad ogni seduta successiva si aggiungerà un gruppo fino alla sesta seduta. In questa, si aggiungerà il sesto gruppo di schede e si tralascerà il primo. E così per le sedute successive si aggiungerà un gruppo e se ne tralascerà un altro.

 

 

 

Inviato da:
Emidio Tribulato (emidio)
Inviato il
29 Oct 2018
Dimensioni del file:
754.99 Kb
Scaricati:
34
Autore del file:
Emidio Tribulato
Inviato il
29 Oct 2018
Voto:
Voti totali:0
Commenta per primo! Accedi o registrati, per favore.