Hai scaricato questo file 0 volte nelle ultime 24 ore, il limite è 100.
Il totale dei file scaricati è 0 nelle ultime 24 ore, il limite è 100.

Sviluppo della memoria 2
Scarica

Descrizione:

SVILUPPO DELLA MEMORIA

 

 

Lo sviluppo della memoria avviene in genere parallelamente allo sviluppo logico. Ma anche questa capacità va educata e potenziata in maniera specifica. E’ già possibile a due anni  ricordare un singolo oggetto tra due.

La difficoltà in questa attività diventa maggiore quanto più alto è il numero degli oggetti da ricercare e quanto più tempo trascorre tra la presentazione dell’oggetto e il loro ricordo.

 La modalità da noi scelta, permette la stimolazione della memoria visiva e uditiva sia a breve che a lungo termine. In queste schede l’elemento o gli elementi da ricordare riguardano: oggetti, animali, colori, disegni geometrici, numeri e parole.

 

Memoria visiva.

Queste schede devono essere fatte  effettuare a due a due, in quanto vengono dapprima presentati al bambino l’elemento o gli elementi presenti nel primo foglio che bisogna ritrovare, dopo un tempo più o meno lungo, nel secondo, chiedendo semplicemente: “Dov’è  (a secondo dei casi) l’immagine o il numero o la parola, che avevi visto prima”?.

Naturalmente  se contiamo lentamente fino a cinque, si svilupperà soltanto la memoria a breve termine.

Se invece  tra la prima e la seconda scheda passerà qualche minuto potremo stimolare la memoria a lungo termine. In quest’ultimo caso diremo al bambino “Guarda bene (a seconda dei casi) questa immagine o numero o parola e cerca di ricordarla perché poi, fra qualche minuto, ti chiederò di ricercarla”.  Nell’intervallo si potrà effettuare un'altra attività.

 

I due tipi di memoria sono utili e importanti e quindi vanno entrambi sviluppati.

Da tenere però presente che la memoria a lungo termine, richiede maggiori capacità intellettive e quindi questa attività va effettuata in un momento successivo.

In ogni caso, sia nella memoria a breve termine che in quella a lungo termine, quando viene presentata la seconda scheda bisogna evitare di ricordare al bambino le immagini o i numeri o le parole da ricercare.

 

VERBALIZZAZIONE

In questa attività basta far denominare gli l’oggetto o gli oggetti presenti nella prima scheda. Memoria uditiva.

Le schede dov’è possibile una chiara denominazione potranno essere utilizzate per lo sviluppo della memoria uditiva.

In questo caso si nomineranno lentamente l’oggetto o gli oggetti presenti nella prima scheda senza farli vedere. Il bambino dovrà quindi ricercare gli stessi oggetti nella seconda scheda, ricordandosi quanto detto dall’educatore.

Inviato da:
Emidio Tribulato (emidio)
Inviato il
11 Dec 2012
Scaricati:
606
Inviato il
11 Dec 2012
Voto:
Voti totali:0
Commenta per primo! Accedi o registrati, per favore.